Carrello 0
AMBIENTE

Alimuri, l’ecomostro sarà abbattuto il 30 novembre

di Rossella Calabrese

Legambiente Campania: la demolizione verrà fatta con micro-cariche e richiederà 50 giorni

Vedi Aggiornamento del 01/12/2014
17/11/2014 - L’ecomostro di Alimuri, lo scheletro di cemento da 18mila metri cubi che deturpa una delle spiagge più belle della Penisola Sorrentina, verrà abbattuto il 30 novembre prossimo. “Tutta l’operazione, dal costo di 230 mila euro a carico del proprietario, e che prevede l’utilizzo di una tecnica di micro-cariche, richiederà 50 giorni” - spiega Legambiente Campania.
 
Lo scheletro di Alimuri - ricorda l’associazione - è uno degli ecomostri più anziani censito dal dossier Mare Monstrum di Legambiente e resiste incompiuto con migliaia di metri cubi di cemento armato a vista che dominano il mare della penisola sorrentina, cinque piani per 16 metri di altezza, un grande alveare che si sta sgretolando per la vecchiaia. L’unico intervento fatto finora risale al 2009 quando il Comune fece imbrigliare alcune parti della struttura, perché usata come pericolosa piattaforma per i tuffi.
 
La storia di questo albergo fantasma - continua Legambiente - comincia con il rilascio della prima licenza per la realizzazione di un albergo da 100 stanze nella prima metà degli anni sessanta. Da allora tra sospensioni dei lavori, ricorsi, sentenze, licenze annullate, nuovi ricorsi e nuove sentenze, sono passati decenni e il manufatto è diventato un ‘rifugio’ legato al traffico degli stupefacenti e una discarica abusiva di rifiuti.
 
Alcuni anni fa sembrava fosse stato trovato l’accordo per dare una svolta alla vicenda: in cambio della demolizione, in larga parte coperta da soldi pubblici, ai proprietari - che hanno avuto ragione contro il sequestro e sono tornati legittimamente in possesso dell’immobile - veniva concessa la possibilità di costruire altri 18 mila metri cubi di cemento su un’altra area sempre nel comune di Vico Equense. In più, su parte dei terreni occupati dallo scheletro avrebbero potuto realizzare uno stabilimento balneare.
 
Per chi vive sulla costiera, un accordo troppo generoso verso i privati e troppo poco verso l’interesse collettivo per il ripristino dei luoghi violati. Addirittura il Governo nazionale arrivò a inserirlo negli edifici da abbattere tra i primi con il Fondo istituito dall’allora ministro Rutelli.
 
La svolta nell’aprile di quest’anno, quando è stata finalmente dichiarata l’illegittimità dell’opere. Il Comune ha annullato l’accordo stipulato nel 2007 tra la società Saan, proprietaria della struttura, e i vari enti coinvolti per il quale alla demolizione avrebbe dovuto far seguito la costruzione di un edificio dello stesso volume su un altro sito da individuare - concludono gli ambientalisti.
 
 

 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati