Carrello 0
Bosco Verticale si aggiudica l’International Highrise Award
ARCHITETTURA

Bosco Verticale si aggiudica l’International Highrise Award

di Valentina Ieva

Boeri Studio firma il grattacielo più bello e innovativo del mondo

20/11/2014 - Il Bosco Verticale di Milano, progettato da Boeri Studio (Stefano Boeri, Gianandrea  Barreca, Giovanni La Varra), si è aggiudicato l’International Highrise Award 2014, battendo i finalisti Rem Koolhaas, Jean Nouvel e Steven Holl.

Il grattacielo più bello e innovativo del mondo porta la firma del docente di Urban Design al Politecnico di Milano, Stefano Boeri, che ha dichiarato:

“Sono molto contento perché il premio che è stato assegnato al Bosco Verticale rappresenta un riconoscimento all'innovazione nell'ambito dell'architettura. E' un invito a pensare all'architettura come un'anticipazione del futuro per ognuno di noi, non solo come l'affermazione di uno stile o di un linguaggio. Il Bosco Verticale è una nuova idea di grattacielo, in cui alberi e umani convivono.

E' il primo esempio al mondo di una torre che arricchisce di biodiversità vegetale e faunistica la città che lo accoglie. Sono felice per Milano, per Expo, e ringrazio chi ha promosso e sostenuto il nostro progetto, a partire da Hines Italia e dalle associazioni del quartiere Isola”.


Le due torri residenziali di Bosco Verticale di 80 e 112 m di altezza (27 e 19 piani, 113 residenze totali) sono in grado di ospitare 800 alberi fra i 3 e i 9 metri di altezza, 11.000 fra perenni e tappezzanti, 5.000 arbusti, per un totale di oltre 100 specie di flora differenti. Il progetto è realizzato nel quartiere Porta Nuova Isola a Milano da Hines Italia SGR, in collaborazione con COIMA. L’interior design è curato da COIMA Image con Dolce Vita Homes.

L’International Highrise Award, premio istituito nel 2003 a Francoforte, riconosce i criteri di sostenibilità, design e qualità degli spazi interni, nonchè l’integrazione nel contesto urbano, per architetture che raggiungano almeno i 100 m di altezza e completate negli ultimi due anni.





 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
vincenzo chirico

ma perché i connazionali, architetti o meno, si accaniscono con commenti al vetriolo? ha vinto un premio? si facciano i complimenti al vincitore. Boeri è un professionista di alto livello, pace. Deve cambiare la percezione che si ha e si da all'Architettura, sennò 'sto paese - e gli architetti con esso - è destinato a rimanere al palo.

thumb profile
Renato Bovo

Chissà perché mi è venuta in mente la Kartell

thumb profile
Nicola Paolicchi

Un'orchestrata messa inscena, con la usuale complicità dei media, per coprire un gran intervento di speculazione edilizia! Mi auguro che non si creino problemi alle persone con quei poveri alberi. Per i giardinieri manutentori: obbligo corso di alpinismo.

thumb profile
hanabi17

mah che dire, evviva gli anni 50 e giò ponti!

thumb profile
giancarlo stohr

F Hundertwasser fu antesiniano e non sempre citato purtroppo da una certa cultura.si consiglia a molti di riscoprire la sua opera edl i suoi principi

thumb profile
Bruno Frau

Spero che Boeri abbia tenuto in debita considerazione del fattore VENTO perché potrà succedere come la soluzione adottata all'isola di La Maddalena che il forte vento ha distrutto la schermatura dei fronti dell'edificio causando ingenti danni.


x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati