Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus Mobili, come funziona in caso di accorpamento o divisione degli immobili
RISTRUTTURAZIONE Bonus Mobili, come funziona in caso di accorpamento o divisione degli immobili
TOPOGRAFIA

Riforma del catasto, via ai lavori per fissare i nuovi valori catastali

di Rossella Calabrese

Le commissioni censuarie considereranno i metri quadri e non più il numero dei vani per allineare i valori catastali a quelli di mercato

Vedi Aggiornamento del 19/12/2016
Commenti 14665
11/11/2014 - Il Consiglio dei  Ministri di ieri sera ha approvato il Dlgs sulle commissioni censuarie, gli organismi che si occuperanno della revisione dei valori immobiliari e delle rendite, primo step della riforma del catasto prevista dalla Legge delega fiscale (Legge 23/2014).
 
Saranno istituite una commissione censuaria centrale, con sede in Roma, e 106 commissioni censuarie locali (provinciali), situate nelle città individuate nella tabella allegata al decreto.
 
Le commissioni censuarie avranno una sezione competente in materia di catasto terreni, una in materia di catasto urbano, e in fase di prima attuazione, almeno una sezione che si occuperà di riforma del sistema estimativo del catasto dei fabbricati.
 
In materia di catasto edilizio urbano, le commissioni censuarie locali approveranno i prospetti integrativi dei quadri tariffari per le unità immobiliari urbane e provvederanno a validare le funzioni statistiche determinate dall’Agenzia delle Entrate, che sono alla base della revisione del sistema estimativo del catasto dei fabbricati. 
 
È questa la vera novità: i nuovi valori catastali saranno calcolati sulla base dei metri quadri e non più del numero dei vani degli immobili. Infatti, le funzioni statistiche devono esprimere la relazione tra il valore di mercato, la localizzazione e le caratteristiche edilizie dei beni per ciascuna destinazione catastale e per ciascun ambito territoriale, anche all’interno di uno stesso comune.
 
In particolare, per abitazioni, uffici, negozi, ecc. (unità immobiliari a destinazione catastale ordinaria, gruppi A, B e C) il valore patrimoniale si baserà sui valori di mercato al metro quadrato, al quale verranno applicati dei coefficienti che terranno conto delle caratteristiche edilizie dell’immobile, dell’anno di costruzione, della sua ubicazione.
 
Per edifici produttivi, alberghi, ecc. (unità immobiliari a destinazione catastale speciale, gruppo D) si userà invece un sistema di stima diretta basto sull’applicazione di metodi standardizzati.
 
La rendita catastale sarà invece calcolata sulla base dei redditi da locazione medi. Il valore delle locazioni al metro quadro, cui deve essere applicata una riduzione per le spese di manutenzione e gli adeguamenti tecnici, verrà moltiplicato per la superficie e il risultato sarà il valore della rendita.
 
Tornando alle competenze delle le commissioni censuarie locali, in materia di catasto terreni, esse approveranno i quadri delle qualità e classi dei terreni e i prospetti delle tariffe dei comuni e parteciperanno alla revisione degli estimi.
 
Delle commissioni censuarie faranno parte rappresentanti dell’Agenzia delle Entrate (che, ricordiamo, ha inglobato l’Agenzia del Territorio), dei Comuni e degli Ordini e Collegi professionali tecnici (architetti, ingegneri, geometri, periti). A quella centrale parteciperanno anche magistrati e docenti di economia e di estimo.
 
La commissione censuaria centrale ratificherà le decisioni prese dalle commissioni locali in materia di catasto terreni e deciderà sui ricorsi dell’Agenzia delle Entrate, dei Comuni e delle associazioni di categoria del settore immobiliare, che saranno eventualmente presentati contro le decisioni delle commissioni censuarie locali in materia di catasto terreni e di catasto edilizio urbano.
 
I componenti delle commissioni non riceveranno alcun gettone di presenza e i membri del Governo, delle giunte regionali e comunali non potranno far parte delle commissioni censuarie.
 
La scorsa settimana, parlando davanti alla platea dei sindaci all’assemblea dell’Anci, il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, aveva annunciato: “lunedì 10 novembre in Consiglio dei Ministri procederemo a una grande riforma, quella delle commissioni censuarie".
 
 

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
antonio

Il sig. Renzi ha dimenticato che gli Italiani non hanno soldi. Dove erano i vari governi di Centrosinistra e centro destra quando i nostri genitori per darci una casa hanno fatto montagne di sacrifici, di rinunzie pur dare una casa per vivere con la propria famiglia. Renzi è peggio del Dio Moloc che divorava le vergini,DICE LA MITOLOGIA. noi Italiani siamo esasperati e quando l'esasperazione arriva al massimo qualcosa succederà. Io spero che gli Italiani si ribellino. Non amo la violenza ma fino a quando saremo capaci di farci rapinare del Sig. Renzi?

thumb profile
iccacem

Non è vero che con la legge vigente non venga considerara la superficie,tutti i tecnici sanno che esiste un rapporto nelle UU.II.in categoria A Vani catastali/superficie,inoltre tutti gli accessori vengono considerati con parametri diversi rispetto ai vani abitabili.Quindi la legge che verrà applicata servirà solo ad aumentare la tassazione. Che dire sul valore catastale inferiore al valore di mercato.La legge prevedeva un valore di capitalizzazione inferiore di circa il 40% rispetto al valore di mercato, in quanto teneva conto dell'ammortamento di capitale,la possibile perdita di redditività e cosa non ultima la manutenzione. E' chiaro quindi il concetto delle innovazioni,aumentare le tasse sulla casa ed i contenziosi tributari

thumb profile
FILIPPO ROSSI

Mq invece di vani. Va bene. Ma 1 mq deve costare lo stesso in tutta Italia. Non è giusto che chi ha 50 mqw a Milano, roma, firenze, etc paghi molto di più di chi ha 50 mq a Pistoia, Enna, Forlì. Non si può agganciare il valore catastale a quello di marcato, perché 1) è soggetto a oscillazioni, bolle speculative etc 2) è soggetto a "mode": ora va di moda la Versilia, lì i prezzi salgono alle stelle. 3) èp diverso da città a città e non si possono creare cittadini di serie a A e B o ricchi e poveri a tavolino, sono perché uno ha la sfiga di viovere a Milano anziché a Cesena, aRoma piuttosto che a Ragusa, a Firenze invece a che Pistoia 4) si fa come quell'imb3cill3 di Fassina che riteneva case da ricchi (da tassare) quelel con rendita sopra i 700 euro... peccato che a FI ROMA, MI queste rendite le haNNO I BILOCALI INCENTRO.,..