Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Auto elettriche: entro il 2020 ci saranno 130 mila punti di ricarica

di Alessandra Marra

In Gazzetta il Piano infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica

Vedi Aggiornamento del 15/12/2017
05/12/2014 – E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica . L'obiettivo per il 2020 è quello di arrivare ad installare 130 mila punti di ricarica in tutto il territorio italiano.
 
Il Piano è previsto dall’articolo 17 septies del Decreto Sviluppo (Legge 134/2012) e si inserisce nel progetto per la realizzazione di reti infrastrutturali per la ricarica dei veicoli elettrici nonché interventi di recupero del patrimonio edilizio finalizzati allo sviluppo delle medesime reti.

L'attuazione del Piano sarà realizzata attraverso la stipula di appositi accordi di programma tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit) e le Regioni a seguito di un'intesa con la Conferenza unificata  e previa delibera del Cipe "al  fine di concentrare gli  interventi nei singoli contesti territoriali in funzione delle effettive esigenze, promuovendo e valorizzando la partecipazione di soggetti pubblici e privati, comprese le società di distribuzione dell'energia elettrica".
 
Le risorse economiche con cui verrà finanziato il Piano sono contenute nell'apposito Fondo istituito presso il Mit, con una dotazione di 47.629.309 euro, di cui 18.417.176 euro per il 2013, 14.297.133 per il 2014 e 14.915.000 per il 2015.

Con queste risorse il Mit cofinanzierà, fino al 50%, le spese sostenute per l'acquisto e l'installazione degli impianti per la ricarica dei veicoli elettrici. Una quota pari all'80% dei  trasferimenti erariali a favore di ogni Regione sarà erogata a condizione che la Regione stessa abbia adottato apposite misure di riduzione dei costi della politica.
 
Nel piano vengono definite le linee guida per lo sviluppo unitario del servizio di ricarica sul territorio nazionale in base all’effettivo bisogno delle singole realtà.
 
Il Piano sarà articolato in due fasi:
la prima di Definizione e Sviluppo (2013-2016) con l’introduzione di infrastrutture di base per le ricariche sia pubbliche che private;
la seconda fase di Consolidamento (2017-2020) con il completamento delle infrastrutture per la diffusione su larga scala dei veicoli elettrici.
 
Il raggiungimento del risultato finale (130 mila punti di ricarica) avverrà per obiettivi progressivi:
2016: 90 mila punti di ricarica accessibili al pubblico;
2018: 110 mila punti di ricarica accessibili al pubblico;
2020: 130 mila punti di ricarica accessibili al pubblico.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati