Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, proposta alla Camera la proroga al 2023
NORMATIVA Superbonus 110%, proposta alla Camera la proroga al 2023
AZIENDE

Tegolit Plus 200 di Edilfibro per il rifacimento della copertura della Basilica di Santa Maria in Campagna a Piacenza

31/03/2015 - L’intervento di rifacimento della copertura della Basilica di Santa Maria in Campagna a Piacenza è stato caratterizzato da molteplici aspetti che hanno reso complessa sia la progettazione sia la successiva realizzazione. L’edificio, sontuoso per bellezza delle linee architettoniche e di importanti dimensioni, risale al periodo che diede origine nel 1095 al movimento delle crociate e successivamente fu ricostruito e fondato nel 1522 in stile dorico rinascimentale. Considerato questi elementi distintivi, il progetto ha previsto il risanamento della piccola e media orditura mediante sostituzione dei particolari lignei, rispettando i canoni originali della struttura dell’epoca e migliorandone di conseguenza la solidità.

L’impermeabilizzazione della copertura è stata realizzata con l’impiego di Tegolit Plus 200, le tradizionali lastre ondulate porta coppo in fibrocemento ecologico, da sempre impiegate nella realizzazione di nuove coperture e ristrutturazione di esistenti degradate. I primi vantaggi ottenuti dall’impiego delle lastre in fibrocemento sono stati ad esempio la drastica riduzione della quantità di legname per l’appoggio dei coppi, in quanto le lastre abbisognano di un interasse di appoggio tra i listelli fino ad 1,3 ml ca. 

Grazie alle comprovate caratteristiche di resistenza garantite nel tempo, le lastre porta coppo hanno permesso di ottenere una perfetta impermeabilizzazione di tutti i particolari dei tetti della basilica, ristabilendo l’originale complanarietà delle falde e riducendo (requisito molto rilevante) il peso della copertura sulla struttura portante. Infatti con l’impiego delle lastre è stato possibile ridurre il numero delle tegole di finitura al metro quadro, posando i coppi in semplice corso di cresta. 

Date le caratteristiche pendenze delle falde e per evitare qualsiasi movimento o scivolamento dei coppi, sono state usate delle tecniche affidabili ormai collaudate di fissaggio dei coppi stessi, con grappette metalliche direttamente ancorate alle lastre. Concludendo si può affermare che la copertura della basilica piacentina è stata ristrutturata con un prodotto tradizionale, ecologico e garantito, rispettando la tradizione delle classiche coperture in coppi, in linea con le più severe norme europee di prodotto e di posa.

EDILFIBRO su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui