Carrello 0
Al via oggi l'appuntamento con China International Furniture Fair
EVENTI

Al via oggi l'appuntamento con China International Furniture Fair

di Valentina Ieva

Riflettori puntati sull'industria del mobile tra Guangzhou e Shanghai

18/03/2015 - Grandi cambiamenti e novità per la 35esima China International Furniture Fair, che quest'anno si svolge tra le due città più sviluppate della Cina, Guangzhou e Shanghai, nonchè tra i due quartieri fieristici più grandi e moderni a livello internazionale. A confermarlo alcuni numeri: superficie espositiva totale di 1,12 milioni di metri quadrati, 4.500 espositori provenienti da 32 paesi, 200.000 visitatori professionali provenienti da più di 190 paesi.

A partire da oggi la prima fase di CIFF 2015, nella sua sede storica del China Import & Export Fair a Guangzhou, punterà i riflettori sull'industria del mobile, in particolare sul tema del "Whole-Home-Decor". Dal pezzo d'arredo agli accessori per il tempo libero questa tappa di CIFF 2015 occupa, fino al 22 marzo, una superficie di ben 370.000 metri quadrati, suddivisa in padiglioni tematici: International Brand Hall of Home Furniture, Design Hall, Soft Decoration Sector, Custom-made Furniture e Kids & Teenagers Furniture Sector. 

Sempre a Guangzhou, dal 28 marzo al 1° aprile, è prevista la seconda fase ​di CIFF 2015, la cui offerta riguarda il mondo del terziario. La superficie di 350.000 metri quadrati comprende quest'anno l'apertura del padiglione 12.1, per ospitare macchinari e materie prime per
mobili imbottiti, materassi e utensili da taglio.

La terza fase di CIFF 2015 si svolgerà, infine, a Shanghai nella nuovissima National Convention & Exhibition Center nei pressi dell’aeroporto di Honqiao. Dall'8 al 12 settembre 2015 buyer, architetti, designer e autorità, provenienti da oltre 190 paesi, si incontreranno sotto lo stesso prestigioso tetto.


 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati