Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, Ance: per un condominio servono 18 mesi e 36 procedure
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, Ance: per un condominio servono 18 mesi e 36 procedure
LAVORI PUBBLICI

Ripartiti tra le Regioni i 100 milioni del Piano 6000 Campanili

di Paola Mammarella

Alla Lombardia quasi 18 milioni, seguono Piemonte con 13 milioni, Campania e Lazio con circa 7 milioni. Gare entro il 31 agosto 2015

Vedi Aggiornamento del 26/08/2015
Commenti 14131
19/03/2015 – Definiti i criteri per l’accesso e la ripartizione degli ultimi 100 milioni di euro per il Piano 6000 Campanili, che dovranno essere destinati agli interventi di manutenzione e messa in sicurezza nei piccoli comuni.
 
Il Ministero delle Infrastrutture ha pubblicato la convenzione, siglata con l’Associazione nazionale dei comuni (ANCI) che indica la ripartizione regionale dei finanziamenti e le priorità da seguire nell’assegnazione delle risorse stanziate.
 
In testa per numero di risorse assegnate, calcolate come media tra la ripartizione sulla base dei Comuni con meno di 5 mila abitanti e la ripartizione in base alla popolazione totale, si colloca la Lombardia con quasi 18 milioni di euro.
 
Segue il Piemonte con circa 13 milioni di euro per poi passare, con un notevole scarto, alla Campania e al Lazio, che si sono aggiudicate più di 7 milioni.
 
La dotazione nelle altre Regioni oscilla tra 1,5 e 5 milioni di euro. All’ultimo posto si posiziona la Valle d’Aosta, che potrà contare su circa 750 mila euro.
 
Una volta definito il budget, la palla passa alle Regioni che, come già spiegato dal Ministro delle Infrastrutture, dovranno bandire le gare entro il 31 agosto 2015, pena la revoca dei finanziamenti.
 
Possono presentare domanda di contributo finanziario i Comuni che, sulla base dei dati anagrafici risultanti dal censimento del 2011, risultano avere una popolazione inferiore a 5 mila abitanti. I progetti presentati dovranno richiedere un investimento da 100 a 400mila euro.
 
Gli interventi da finanziare devono essere riconducibili ad una delle seguenti tipologie:

- qualificazione e manutenzione del territorio, mediante recupero e riqualificazione di volumetrie esistenti e di aree dismesse, nonché riduzione del rischio idrogeologico;
- riqualificazione e incremento dell’efficienza energetica del patrimonio edilizio pubblico, nonché realizzazione di impianti di produzione e distribuzione di energia da fonti rinnovabili;
- messa in sicurezza degli edifici pubblici, con particolare riferimento a quelli scolastici, alle strutture socio-assistenziali di proprietà comunale e alle strutture di maggiore fruizione pubblica.
 
Ricordiamo che il Piano 6000 Campanili è partito con il Decreto del Fare che ha destinato 100 milioni di euro ai Comuni sotto i 5.000 abitanti per costruire infrastrutture, ristrutturare edifici pubblici e costruirne di nuovi, realizzare reti telematiche, mettere in sicurezza il territorio.
 
Le risorse sono state assegnate a 115 progetti attraverso un click day avvenuto il 24 ottobre 2013, dopo il quale è stata redatta una graduatoria.
 
Dato l’alto numero di domande presentate, la Legge di Stabilità per il 2014 ha messo a disposizione altri 50 milioni di euro, che hanno reso possibile lo scorrimento della graduatoria e il finanziamento di altri 59 progetti.

A fine gennaio, poi un decreto del ministero delle Infrastrutture ha approvato la ripartizione dei 500 milioni previsti dallo Sblocca Italia, destinando altri 200 milioni al Piano 6000 Campanili. Di questi, 100 milioni sono stati assegnati all’inizio di febbraio e convogliati su 119 opere. Gli altri 100 milioni sono stati appena ripartiti tra le Regioni e, secondo il Ministro delle Infrastrutture, renderanno possibile la realizzazione da 250 a 1000 interventi.


 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Leggi i risultati