Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, non passano la proroga al 2023 e l’estensione a professionisti e imprese
NORMATIVA Superbonus, non passano la proroga al 2023 e l’estensione a professionisti e imprese
LAVORI PUBBLICI

Graziano Delrio è il nuovo ministro delle Infrastrutture

di Alessandra Marra

Ieri primo bilancio di ‘1000 Cantieri per lo Sport’: 123 milioni di euro per 729 nuove palestre scolastiche. Dal 13 aprile 2015 la seconda fase

Vedi Aggiornamento del 08/07/2015
Commenti 9098
03/04/2015 – Graziano Delrio è stato nominato Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, subentrando al breve interim di Matteo Renzi dopo le dimissioni di Maurizio Lupi.  

Delrio, nato a Reggio Emilia nel 1960, è medico endocrinologo. È stato consigliere della Regione Emilia Romagna, due volte sindaco di Reggio Emilia e presidente dell'Anci. Nel Governo Renzi è sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e segretario del Consiglio dei Ministri con delega alle Politiche di Coesione Territoriale e allo Sport.

"Ci sono infrastrutture che sono necessarie alla vita delle comunità, queste sportive lo sono, quelle delle scuole lo sono, ci sono infrastrutture che magari fanno piccoli collegamenti ma che hanno grande efficacia nella vita e nella mobilità delle persone, un tram è una piccola infrastruttura ma dentro una città è una grande opera, dipende dalla funzione e dalla utilità che hanno per le persone".

Così si è espresso Delrio, già proiettato nel ruolo, nel corso della conferenza stampa organizzata a Roma dall’Istituto di Credito Sportivo in cui sono stati illustrati i risultati della prima fase del progetto ‘1000 Cantieri per lo Sport’, il piano nato dalla collaborazione tra la Presidenza del Consiglio e l’Istituto per il Credito Sportivo.
 
Ricordiamo che la prima parte del progetto, che si è conclusa 16 marzo 2015, aveva l’obiettivo di incentivare, attraverso mutui a tasso agevolato, la manutenzione, la ristrutturazione o la costruzione ex-novo di impianti sportivi scolastici su tutto il territorio nazionale.
 
Secondo i dati diffusi dall’Istituto per il Credito Sportivo, 18 Regioni su 20 hanno raggiunto e superato il plafond assegnato.
 
Grazie alla riduzione dei tassi intervenuta dalla fase di progettazione alla fase di realizzazione, sono state accolte tutte le 729 richieste pervenute anziché le 500 preventivate. In tal modo tutte le 729 scuole che hanno aderito al progetto potranno realizzare una nuova palestra.  
 
I dati evidenziano come il maggior numero delle richieste è pervenuto dalle regioni del sud e dalle isole, zone che presentavano la maggior carenza di infrastrutture sportive scolastiche.
 
Il Credito Sportivo ha destinato per quest’obiettivo 123 milioni di euro (circa 90 milioni a tasso zero e circa 32 allo 0,4%) agli enti locali, rispetto agli iniziali 75 milioni stanziati, intervenendo in modo capillare sul territorio nazionale.
 
La seconda parte dell’iniziativa, che partirà il 13 aprile 2015, prevederà un ulteriore stanziamento di 75 milioni di euro di mutui a tasso zero da destinare, oltre agli enti locali, all’associazionismo sportivo per realizzare o ristrutturare i loro impianti.
 
Con questo progetto il Credito Sportivo si riposiziona come strumento indispensabile e necessario per lo sviluppo di quei luoghi che contribuiscono alla crescita e alla formazione dei giovani, andando incontro alle esigenze del mondo dell’associazionismo e della scuola che difficilmente ha accesso al credito, interpretando il ruolo di banca pubblica favorendo concretamente lo sport per tutti.


 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
~

Ecco l'ennesimo...

thumb profile
Perpleos

Non sapevo che a medicina ci si potesse specializzare nelle infrastrutture... congratulazioni onorevole! Sento aria di rinnovo...


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Partecipa