Carrello 0
NORMATIVA

Trasporto di macerie edili, sempre necessaria l’iscrizione all’albo dei gestori ambientali

di Paola Mammarella
Commenti 21385

Cassazione: obbligo valido anche se l’attività è occasionale

Vedi Aggiornamento del 25/02/2016
Commenti 21385
14/04/2015 – Il titolare di un’impresa edile che trasporta macerie derivanti dall’attività di demolizione e ricostruzione deve iscriversi all’Albo nazionale dei gestori ambientali. Anche se i trasporti avvengono in modo saltuario. Lo ha chiarito la Cassazione con la sentenza 12946/2015.
 
Nel caso preso in esame, il titolare di un’impresa esercente piccoli lavori edili era stato giudicato colpevole di attività di gestione di rifiuti non autorizzata ai sensi del Codice Ambiente (D.lgs. 152/2006).
 
L’imprenditore edile, dopo aver effettuato il trasporto, aveva affermato di non essere a conoscenza dell’obbligo di iscrizione all’Albo dei gestori ambientali. A suo avviso, questo adempimento non doveva essere richiesto dal momento che i trasporti avvenivano solo saltuariamente e non in modo abituale.
 
La Cassazione ha respinto la posizione dell’imprenditore aggiungendo che, anche se i rifiuti non sono pericolosi e la loro quantità non supera i 30 litri o chili, è sempre richiesta la comunicazione alla sezione regionale o provinciale territorialmente competente dell’Albo dei gestori ambientali.
 
In questi casi si può invece evitare di dotarsi del formulario di identificazione richiesto dal Codice dell’Ambiente. Si tratta di un documento in cui devono essere indicati il nome e l’indirizzo dell’imprenditore, l’origine e il tipo del rifiuto, l’impianto di destinazione, la data del trasporto, il percorso e i dati del destinatario.
 
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Twitter e Google+
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa