Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Libere professioni, operativo il Tavolo per la competitività

Libere professioni, operativo il Tavolo per la competitività

Allo studio del Mise strumenti per agevolare l’accesso ai finanziamenti e snellire la burocrazia

Vedi Aggiornamento del 13/01/2016
di Rossella Calabrese
Vedi Aggiornamento del 13/01/2016
17/04/2015 - Mettere a punto un modello di sviluppo che rilanci la competitività delle libere professioni, sia nel mercato interno che in quello comunitario.
 
È questo l’intento del Ministero dello Sviluppo Economico, che mercoledì scorso ha tenuto la prima riunione del Tavolo per la competitività delle libere professioni, presieduta dal Sottosegretario Simona Vicari.
 
“L’obiettivo - ha dichiarato il Sottosegretario - è quello di predisporre una serie di provvedimenti che agevolino l’accesso a fonti di finanziamento, sulla falsariga di quanto previsto per i voucher per la digitalizzazione o per il Fondo di garanzia per le PMI, che snelliscano le procedure burocratiche che rallentano lo sviluppo delle libere professioni e che permettano una struttura di mercato più solida, organizzata e competitiva. Grazie a questa opera di armonizzazione non ci saranno più Partite Iva di serie A e di serie B”.
 
Al Tavolo hanno partecipato tutte le componenti del mondo professionale ordinistico, delle casse previdenziali e delle associazioni non ordinistiche.
 
A breve il Ministero dello Sviluppo Economico - si legge nella nota - stabilirà assieme alle parti interessate la data del prossimo incontro, durante il quale tutte gli spunti programmatici verranno analizzati in maniera più approfondita per giungere, quanto prima, ad un protocollo d’intesa con le Regioni.
 
Positivo il commento di Confprofessioni: “finalmente si apre una chance anche per i liberi professionisti italiani. Il gruppo di lavoro ‘Competitività delle libere professioni’ inaugurato oggi dal Sottosegretario Vicari, ha mostrato una visione strategica sul mondo delle professioni che finora è mancata in Italia. Adesso possiamo cominciare a ragionare per rendere più competitivi gli studi professionali nel contesto internazionale”- ha detto il presidente Gaetano Stella.
 
“Il tavolo parte sotto buoni auspici. Il sottosegretario Vicari ci ha illustrato gli strumenti e gli incentivi che fino a oggi erano ad esclusivo appannaggio delle piccole e medie imprese, ma ora c’è la volontà di estendere le agevolazioni ai professionisti, in particolare il fondo di garanzia per le Pmi che è stato finora molto poco utilizzato dalle professioni” ha aggiunto Stella.
 
 

 
Add Impression Add Impression
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione