Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Overbooking ieri a Cagliari per Edilportale Tour 2015

Commenti 6696

Building automation, nuove tecnologie e materiali per una cultura della sostenibilità

Vedi Aggiornamento del 05/06/2015
Commenti 6696
10/04/2015 - Grande successo ieri a Cagliari per la quinta tappa di Edilportale Tour che si è svolta nell’affollata Aula magna della Facoltà di Ingegneria e Architettura dell’Università degli Studi.
 
La Sardegna ancora una volta dimostra che è possibile creare un nuovo scenario futuribile nell’attuale panorama. La sfida culturale illustrata da Norbert Lantschner qui è possibile. “Non esiste un prodotto sostenibile, esiste un comportamento sostenibile. Nell’edilizia dobbiamo attuare nuovi comportamenti che sono legati all’uso intelligente di nuove tecnologie e nuovi materiali per creare una nuova cultura. Un futuro con il futuro”.

Scarica gli atti del convegno
 
Guarda le foto dell'evento

Guarda il video del convegno

È necessario abbassare il fabbisogno energetico e per farlo bisogna necessariamente incrementare l’efficienza energetica al 27%. E ciò è fattivamente possibile. Lo ha dimostrato Chiara Tonelli, docente di Architettura all’Università Roma Tre, con la sua esperienza al Solar Decathlon 2014. Una gara su prototipi progettati e realizzati che vengono valutati da una giuria internazionale su 10 prove.
 
Tre prove monitorate, in particolare, determinano il bilancio energetico, il comfort e l’house functioning. Roma Tre è stata l’unica Università italiana ad essere ammessa alla competizione. Density, Mobility, Sobriety, Affordability: queste le caratteristiche che hanno contraddistinto la competizione e che hanno portato alla realizzazione del prototipo ‘Rhome’, ovvero ‘A Home For Rome’, che ha ottenuto il primo posto.
 
Un’alternativa è stata presentata da Roberto Ricciu con SIMBAD, un progetto sperimentale per la building automation.
 
“Dobbiamo agire sulle nostre case sia come professionisti che come abitanti. Il comfort è importante tanto quanto la qualità dell’aria all’interno degli edifici in cui abitiamo. Un ambiente ospitale quale quello in cui viviamo necessita di attenzione verso gli inquinanti ambientali per evitare la loro presenza all’interno delle nostre case”. È quanto sostiene Leopoldo Busa, progettista esperto in Qualità dell’aria Indoor.
 
“Dobbiamo cominciare a chiedere una certificazione di prodotto anche per quanto riguarda l’eventuale emissione chimica che quel prodotto produce nelle nostre case. La formaldeide è il marker della qualità dell’aria indoor nei protocolli di salubrità ambientale. In Italia esistono protocolli certificativi, come Climabita, che determinano i limiti tossicologici da rispettare” - ha concluso Busa.
 
Indubbia è l’affidabilità di Thermoshield, descritto alla platea da Salvatore Varsallona di Tecnova. A garanzia della sostenibilità, le fondamenta sono cruciali: per la coibentazione del vespaio Alessandro Scurria di Sicilferro ha illustrato Air Crab, vespaio isoareato ad altezza variabile totalmente in EPS.
 
All’efficienza energetica e al comfort acustico contribuiscono i sistemi a secco, descritti da Pasquale Portera di Knauf. “È bene sapere - ha affermato Portera - che dai nostri isolanti viene estratta la formaldeide di cui ha abbondantemente parlato l’architetto Busa”.
 
A chiudere la giornata Giulio Camiz, progettista Velux: “in Italia il daylighting design non viene sufficientemente considerato, a differenza di altri paesi europei. Stiamo perdendo la possibilità di utilizzare e considerare il fattore medio di luce diurna che può aprire la strada verso edifici confortevoli e che garantiscano benessere. Non possiamo perdere di vista il nostro mandato come professionisti ovvero dare un senso agli spazi e creare ambienti che siano ospitali e familiari”.
 
Che cosa possiamo fare? La platea di 600 tecnici si è posta questa e molte altre domande che hanno animato l’acceso dibattito finale, segno di una Sardegna pronta a vincere la sfida della sostenibilità.

ISCRIVITI ALLA TUA TAPPA
 
La partecipazione all’Edilportale Tour dà diritto a crediti formativi (secondo quanto deciso dai singoli Ordini e Collegi professionali provinciali) per ingegneri, geologi, geometri e periti industriali e a 4 crediti formativi per gli architetti, utili all’assolvimento dell’obbligo di aggiornamento professionale.

Edilportale Tour è un’iniziativa di Edilportale in collaborazione con Velux, Knauf, Tecnova Group, Sicilferro.
Con la partecipazione di: Gruppo24Ore, Isopan, Bticino, Alessandro Pierantoni, Henkel, Hella, Corradi, Penetron.
Partner organizzativo: Agorà
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa