Carrello 0
FINANZIAMENTI

Da giugno al via i bandi da 400 milioni per la crescita sostenibile

di Alessandra Marra
Commenti 10804

Tra le tematiche rilevanti del bando 'Industria sostenibile': tecnologie energetiche e costruzioni eco-sostenibili

Vedi Aggiornamento del 14/10/2015
Commenti 10804
06/05/2015 – Da giugno si potranno richiedere i contributi per i 400 milioni di euro che il Ministero dello Sviluppo Economico ha destinato alle imprese, compresi gli spin-off degli Organismi di ricerca, che investono in grandi progetti di Ricerca e Sviluppo (R&S) per la crescita sostenibile.

E’ stato infatti firmato il decreto ministeriale attuativo che definisce i termini, le modalità per la presentazione delle istanze preliminari e di quelle definitive e le modalità di applicazione dei criteri di valutazione per i bandi “Industria sostenibile” e “ICT-Agenda digitale”, diretti a finanziare grandi progetti di ricerca e sviluppo nel settore della cosiddetta industria sostenibile e nel settore delle tecnologie dell’informazione.

Le risorse saranno così suddivise: 250 milioni di euro per il bando ‘Industria sostenibile’ e 150 milioni di euro per il bando 'ICT-Agenda digitale'.
 

Crescita sostenibile: presentazione istanze preliminari

Le imprese che intendono accedere alle agevolazioni devono presentare istanza preliminare esclusivamente in via telematica selezionando il relativo link presente sulla seguente pagina; le istanze potranno essere presentate dal 25 giugno per il bando “ICT-Agenda digitale” e dal 30 giugno per il bando “Industria sostenibile”.

Ricordiamo che il bando “Industria sostenibile” riguarda progetti finalizzati a perseguire un obiettivo di crescita sostenibile, per promuovere un’economia efficiente sotto il profilo delle risorse, più verde e più competitiva, che, utilizzando le nano tecnologie, i materiali avanzati ecc, si sviluppi nell’ambito di specifiche tematiche rilevanti.

Tra le tematiche rilevanti di questo bando troviamo: tecnologie energetiche, con particolare riferimento alla energie rinnovabili; costruzioni eco-sostenibili con un focus su 'Efficienza energetica e sostenibilità delle costruzioni' e 'Sicurezza dell’ambiente costruito; tecnologie ambientali, in particolare per il rimedio e la protezione ambientale e per la gestione dell’ambiente naturale e del costruito.

Il bando “ICT-Agenda digitale” ha lo scopo di sostenere progetti in grado di esercitare un significativo impatto sullo sviluppo del sistema produttivo e dell’economia del Paese, grazie a un mercato digitale unico basato su Internet veloce e superveloce e su applicazioni interoperabili e sviluppando specifiche Tecnologie Abilitanti, nell’ambito di quelle definite dal Programma quadro comunitario “Orizzonte 2020”, con adeguate e concrete ricadute su determinati settori applicativi.

Le procedure di compilazione guidata saranno rese disponibili nel sito internet del Soggetto gestore per entrambi i bandi a partire dalle ore 10,00 del 22 giugno 2015. Il Mise in una nota ha precisato che l’istanza preliminare può essere presentata dalle ore 10,00 alle ore 19,00 di tutti i giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì, a partire dalle date del 25 e del 30 giugno.

Recentemente il decreto ministeriale 19 marzo 2015  ha introdotto alcune modifiche, di identica natura, ad entrambi i decreti. Tali modifiche sono finalizzate soprattutto a semplificare e favorire l’accesso alle agevolazioni previste dai due bandi agli spin-off promossi dagli Organismi di ricerca (nella prassi essenzialmente Università e Istituti di ricerca pubblici), che presentano la caratteristica della piccola impresa, spesso sono di nuova costituzione e non hanno alle spalle una particolare esperienza se non quella degli stessi Organismi di ricerca promotori.

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Luca

Bell'articolo


x Sondaggi Edilportale
Manovra 2020, Decreto Clima, Bonus casa. Quali sono le misure più urgenti? Partecipa