Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Regolamento edilizio tipo, cosa c’è da sapere per il calcolo delle volumetrie
NORMATIVA Regolamento edilizio tipo, cosa c’è da sapere per il calcolo delle volumetrie
LAVORI PUBBLICI

Premier Matteo Renzi: 4 miliardi di euro per l’edilizia scolastica

di Alessandra Marra

Ministro Delrio: ‘Le risorse serviranno per nuove scuole, manutenzioni, efficientamento energetico e monitoraggio degli edifici’

Vedi Aggiornamento del 16/12/2015
Commenti 9468
14/04/2015 – Nuove risorse, per 4 miliardi di euro, da investire nell’edilizia scolastica.
 
Questo l’annuncio del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nel video di ieri, in cui spiega, gessetto alla mano, cosa intende per “buona scuola”.
 
Il premier, nel video, ha dichiarato: “Oggi pomeriggio (il 13 maggio per chi legge) firmerò una circolare ai ministri dell'Economia, delle Infrastrutture, e della Scuola che porta oltre 4 miliardi di euro di nuovi investimenti sull'edilizia scolastica”.
 

I provvedimenti per l’edilizia scolastica

Ricordiamo che il ddl Buona scuola dedica un capitolo alla realizzazione di 20 nuove scuole, una per Regione, e alla messa in sicurezza degli edifici scolastici esistenti.
 
Le nuove scuole dovranno essere altamente innovative dal punto di vista architettonico, impiantistico e tecnologico. Gli edifici dovranno possedere il requisito dell’efficienza energetica e favorire, grazie a nuovi ambienti di apprendimento, l’uso continuo e costante delle moderne tecnologie nell’attività didattica.

Nell’ambito della messa in sicurezza degli edifici esistenti, 40 milioni di euro verranno destinati alle indagini diagnostiche sui solai delle scuole.
 

Edilizia scolastica: l’intervento di Delrio

 Sempre ieri anche il Ministro delle infrastrutture, Graziano Delrio,  ha ripreso l’argomento scuole: “Il patrimonio edilizio scolastico spesso manca da anni, se non da decenni, di opere di manutenzione e riqualificazione per questo sono stati sbloccati oggi 4 miliardi di risorse per nuove scuole, manutenzioni, efficientamento energetico e monitoraggio del patrimonio di 40mila edifici”.

Delrio ha fatto notare che per rendere le scuole più sicure il Governo Renzi ha avviato da subito, un anno fa, un’opera di interventi e monitoraggio su un patrimonio immobiliare affidato agli enti locali”. Nello specifico il Ministro ha citato il lavoro che la Struttura di missione per l’edilizia scolastica sta attuando sul patrimonio scolastico in termini di sicurezza, decoro e manutenzione, specificando il contributo del Governo nell’aggiungere risorse agli enti locali.

Circa i prossimi investimenti Delrio ha dichiarato: “Le prossime tappe prevedono 1.600 nuovi cantieri, per ristrutturazioni radicali, mentre  altre 700 scuole saranno interessate da interventi per l’efficienza e la sicurezza degli impianti energetici”.

Infine per difendere il ddl Buona scuola ha dichiarato: “E’ questo il senso di un’attenzione particolare alla scuola come infrastruttura educativa che troviamo anche nel ddl Buona scuola e che vede impegnati vari ministeri, tra i quali il Mit. Il ddl prevede in ogni regione la realizzazione ex novo di scuole altamente innovative, con  300 milioni di euro, l’allargamento dell’Osservatorio dell’edilizia scolastica alle organizzazioni civiche. Vogliamo affrontare questa situazione di colpevole emergenza, che riguarda tutte le opere pubbliche per chi la manutenzione è stata sempre messa all’ultimo posto: e così nel ddl c’è la diagnostica dei solai, partendo da 10.000 monitoraggi, opere che qualunque Paese normale dovrebbe aver previsto come ordinaria amministrazione e una Graduatoria unica e reale dell’edilizia scolastica”.

“Ora come Governo affermiamo che, come amministrazioni dello Stato, delle Regioni, dei Comuni, la prevenzione e la manutenzione nelle opere pubbliche sono una priorità assoluta per la salute dei cittadini” ha concluso Delrio.


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui