Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Fondo Kyoto da 200 milioni di euro, pubblicato il bando
FINANZIAMENTI Fondo Kyoto da 200 milioni di euro, pubblicato il bando
NORMATIVA

Demolizione di opere abusive, gli eredi non possono opporsi

di Paola Mammarella

Cassazione: l’interesse pubblico al corretto assetto del territorio deve prevalere su quello alla conservazione dell’edificio

Vedi Aggiornamento del 27/08/2015
Commenti 7097
18/05/2015 – L’ordine di demolizione di un’opera abusiva ha efficacia anche nei confronti degli eredi del responsabile. È questo l’orientamento espresso dalla Cassazione con la sentenza 12976/2015.
 
Nel caso preso in esame, il Comune aveva emanato un’ordinanza di demolizione di un’opera abusiva.
 
Dal momento che il responsabile della realizzazione dell’abuso era nel frattempo deceduto, gli eredi avevano chiesto l’annullamento dell’ordinanza.
 
Il Tribunale ordinario aveva però rifiutato la richiesta. Posizione che è stata confermata anche dalla Cassazione.
 
A detta dei giudici, la morte non estingue l’ordine di demolizione dal momento che si tratta di una sanzione amministrativa accessoria e non penale.
 
La Corte ha concluso sottolineando che l’ordine di demolizione conserva la propria efficacia verso gli eredi perché l’interesse pubblico al corretto assetto del territorio deve prevalere  sull’interesse privato alla conservazione dell’edificio.

Segui la nostra redazione anche su Facebook, Twitter e Google+

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui