Carrello 0
NORMATIVA

Edilizia, ecco i nuovi requisiti per fare il costruttore

di Paola Mammarella
Commenti 70923

Disegno di legge in Senato: il titolare dell’impresa dovrà nominare come responsabile tecnico un progettista abilitato e con esperienza

Vedi Aggiornamento del 09/08/2016
Commenti 70923
11/05/2015 – Serviranno dei requisiti minimi di carattere tecnico professionale per operare nel settore edile. Lo prevede un disegno di legge allo studio delle Commissioni Lavori Pubblici e Industria del Senato, che ripropone i contenuti già in discussione nelle precedenti legislature.
 

Imprese edili, come funzioneranno

Per esercitare l’attività di costruttore edile sarà necessario iscrivere l’impresa nella sezione speciale per l’edilizia. In questa sede saranno valutati i requisiti del costruttore, cioè del titolare dell’impresa, che avrà l’obbligo di nominare un responsabile tecnico.
 
Verranno inoltre verificati i requisiti di capacità tecnico organizzativa, cioè la disponibilità di attrezzature conformi al Testo unico sulla sicurezza sul lavoro (D.lgs. 81/2008). Il valore minimo delle attrezzature dovrà essere pari a 15 mila euro. Per le imprese che operano nel settore dei lavori di completamento, delle manutenzioni ordinarie e delle finiture sarà sufficiente il possesso di attrezzature per un valore pari a 7.500 euro.
 

Costruttore edile

Potrà esercitare l’attività di costruttore edile chi risulti senza procedimenti pendenti per la violazione delle leggi antimafia e chi non abbia subito condanne per ricettazione, riciclaggio, emissione di assegni a vuoto, insolvenza fraudolenta, bancarotta fraudolenta, ecc.
 

Responsabile tecnico

All'atto di iscrizione alla sezione speciale per l'edilizia, le imprese dovranno designare un responsabile tecnico, che potrà anche coincidere con il responsabile per la prevenzione e la protezione. Ai soggetti che, in base al Testo unico sulla sicurezza sul lavoro hanno già i requisiti per la nomina a responsabile dei servizi di prevenzione e protezione, saranno riconosciuti dei crediti formativi dopo aver sostenuto il percorso per diventare responsabile tecnico.
 
Il responsabile tecnico dovrà possedere una serie di requisiti morali, come non essere mai stato condannato per la violazione delle norme in materia di lavoro, previdenza, prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro, rifiuti, ricerche archeologiche, autorizzazioni per gli interventi sui beni paesaggistici, permesso di costruire e lottizzazione abusiva.
 
Il responsabile tecnico dovrà inoltre rispondere a uno dei seguenti requisiti di idoneità professionale:
- iscrizione all’ordine professionale degli ingegneri o degli architetti o al collegio dei periti industriali e dei periti industriali laureati con specializzazione edilizia o al collegio dei geometri. La norma prevede inoltre l’esercizio della professione da almeno due anni;
 
- laurea in ingegneria o in architettura, ma anche quelle con indirizzo economico, gestionale o giuridico, il diploma di istruzione tecnica o professionale, il certificato di specializzazione tecnica superiore con indirizzo relativo al settore dell'edilizia e la frequenza di un corso di apprendimento della durata minima di ottanta ore, ridotta a quaranta ore per le attività di completamento, manutenzione e finitura;
 
- esperienza lavorativa svolta presso imprese operanti nel settore dell'edilizia con la qualifica di operaio qualificato o di livello superiore per un periodo di almeno quarantotto mesi negli ultimi sette anni e frequenza di un corso di apprendimento della durata minima di centocinquanta ore;
 
- frequenza di un corso di formazione professionale, e superamento del relativo esame, della durata di duecentocinquanta ore.
 

Formazione in edilizia

I corsi necessari all’abilitazione come responsabile tecnico saranno definiti con un decreto del Ministero dello Sviluppo Economico e si occuperanno di urbanistica, edilizia e bioedilizia, normativa tributaria, normativa contrattuale, sicurezza sul lavoro, normativa ambientale, risparmio ed efficienza energetica, normativa tecnica, uso dei macchinari, delle attrezzature e degli impianti, tutela dei consumatori, contrattualistica privata, organizzazione e gestione d'impresa.
 
Le regole sulla formazione si applicheranno alle imprese che operano nell’ambito di lavori di costruzione, ristrutturazione, restauro, risanamento conservativo, manutenzione ordinaria e straordinaria, opere d'ingegneria, per la preparazione del cantiere edile, opere di scavo, lavori di completamento degli edifici e di finitura.
 
Saranno invece escluse le imprese che esercitano prevalentemente attività di installazione di impianti, promozione e sviluppo di progetti immobiliari, restauro, conservazione e manutenzione di beni culturali, produzione di elementi prefabbricati e le altre realtà che non applicano i contratti collettivi nazionali di lavoro dell'edilizia.




 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
http://sichonduras.hn/UserFiles/xBZF-22.html

http://sichonduras.hn/UserFiles/1pry-18.html [url=http://sichonduras.hn/UserFiles/xBZF-22.html]http://sichonduras.hn/UserFiles/xBZF-22.html[/url]

thumb profile
Riki72

Viva la semplificazione! Nel senso che molte altre imprese semplificheranno la loro attività, chiudendo. Morte affogate in un mare di scartoffie che non garantiscono un bel niente. In Italia continuiamo a credere che più Norme ci siano, più si garantisca. All'estero valutano ciò che hai prodotto. Dopo. Alla prima occasione in cui "toppi" in maniera significativa, puoi pensare di andare a fare un altro mestiere. Punto e basta.

thumb profile
Mele Luca

Io sono un artigiano edile che opera in Sardegna in prov. di Oristano, qui dilaga il lavoro nero è altre forme di impresa irregolare, non voglio essere critico a prescindere su questo Disegno di legge, forse può anche essere una soluzione. Però io mi chiedo anche una cosa. Tutte le notizie relative a crolli di strade, ponti scuole appena ristrutturate ecc., le imprese esecutrici secondo me avevano già i seguenti requisiti, perchè quelle imprese hanno già un direttore tecnico geometra o ingegnere. Se questa norma viene introdotta per evitare tutto ciò non serve a niente, perchè comunque mancano i controlli necessari, che non ci saranno mai a quei livelli, perchè c'è da spartirsi prima la torta tra i vari attori. Se si fa per opprimerci ancora di più di carta inutile, pos pimus documenti e corsi vari, ormai ci abbiamo fatto il callo.

thumb profile
antonino

Il tuo commento max 2000 caratteri Per fare selezione è stata chiesta : la 9001,la 14001,la 18001, la 50001 e le gare di appalto che si aggiudicano al 38%,il tecnico abilitato ,ma il lavoro dov'è?

thumb profile
antonino

Il tuo commento max 2000 caratteri Per fare selezione è stata chiesta : la 9001,la 14001,la 18001, la 50001 e le gare di appalto che si aggiudicano al 38%,il tecnico abilitato ,ma il lavoro dov'è?

thumb profile
antonino

Il tuo commento max 2000 caratteri Per fare selezione è stata chiesta : la 9001,la 14001,la 18001, la 50001 e le gare di appalto che si aggiudicano al 38%,il tecnico abilitato ,ma il lavoro dov'è


x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa