Carrello 0
NORMATIVA

Vietato frazionare i lavori per realizzarli senza permesso di costruire

di Paola Mammarella

Cassazione: non è consentito presentare più DIA relative ad interventi riconducibili alla stessa opera

Vedi Aggiornamento del 13/04/2017
28/05/2015 – Un intervento edilizio non può essere frazionato per eludere le norme sui titoli abilitativi. È il monito dato dalla Cassazione con la sentenza 16622/2015.
 

Il Caso

Il proprietario di un locale aveva realizzato una tettoia di 100 metri quadri presentando una Denuncia di inizio attività (Dia). Successivamente era stata presentata un’altra Dia per la chiusura dei lati.
 
La tettoia era stata sottoposta a sequestro preventivo motivando la decisione col fatto che l’intervento fosse stato eseguito in zona sismica e in un’area sottoposta a vincolo idrogeologico.
 

Frazionamento degli interventi edilizi

Il Tribunale ordinario in un primo momento aveva annullato il sequestro preventivo. Nei successivi gradi di giudizio, però, la situazione è cambiata.
 
La Cassazione ha fatto notare che l’intervento comportava in realtà un aumento della volumetria e che sarebbe stato necessario chiedere fin dall’inizio il permesso di costruire. La presentazione di due Dia riferite a due diversi interventi rivelava quindi la volontà di nascondere la vera entità dei lavori.
 
I giudici hanno quindi concluso che il regime dei titoli abilitativi non può essere eluso suddividendo l’attività edificatoria finale nelle singole opere che concorrono a realizzarla.
 
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Twitter e Google+
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
La domotica, quali risvolti sociali ed economici per le famiglie? Leggi i risultati