Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
NORMATIVA

Danni in condominio, solo l’assemblea può chiedere il risarcimento

di Paola Mammarella

Cassazione: l’amministratore prima di intraprendere un’azione legale deve essere autorizzato dai condòmini

Vedi Aggiornamento del 07/01/2016
Commenti 6969
23/06/2015 – È l’assemblea condominiale e non l’amministratore a decidere se agire contro il costruttore per ottenere il risarcimento dei danni dovuti ai difetti di costruzione. Lo ha affermato di recente la Corte di Cassazione con la sentenza 10010/2015.
 
La Corte di Cassazione si è pronunciata sul caso di un edificio in cui erano stati riscontrati dei difetti entro dieci anni dalla realizzazione.
 
In questi casi il costruttore è tenuto al risarcimento, ma ad intraprendere l’azione legale contro il costruttore devono essere i condomini e l’amministratore di condominio può agire solo se preventivamente autorizzato dall’assemblea.
 
Come spiegato dalla Cassazione, nel caso in cui l’amministratore si costituisca in giudizio o impugni sentenze sfavorevoli senza essere stato prima autorizzato, il suo operato deve essere ratificato dall’assemblea condominiale.
 
Per poter proseguire con la causa e ottenere il risarcimento, la Cassazione ha quindi dato all’amministratore 60 giorni di tempo per produrre la delibera dell’assemblea con l’autorizzazione a procedere e la ratifica delle azioni fino a quel momento effettuate.

Segui la nostra redazione anche su Facebook, Twitter e Google+ 
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui