Carrello 0
NORMATIVA

Riforma del Catasto rinviata per evitare l’aumento delle tasse

di Paola Mammarella

Per le nuove rendite e i valori catastali aggiornati si dovrà attendere la definizione della Local Tax che compenserà gli aumenti

Vedi Aggiornamento del 13/12/2017
26/06/2015 – Slitta l’approvazione del decreto attuativo della Riforma del Catasto. Il testo del decreto per la revisione delle rendite e dei valori catastali degli immobili doveva essere portato sul tavolo del Consiglio dei Ministri di martedì scorso, ma la discussione è saltata.
 

Riforma del Catasto e aumento delle tasse

Il rinvio è stato spiegato dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, con la necessità di garantire un’invarianza del gettito complessivo. Perché ciò sia possibile, bisognerà attendere la definizione della Local Tax, cioè del tributo che dovrebbe inglobare Imu e Tasi. Ogni intervento effettuato prima di questa tappa, secondo Renzi, potrebbe invece essere percepito come un aumento delle tasse.
 
Il rischio era stato prospettato anche dall’Agefis, associazione dei geometri fiscalisti, che aveva stimato aumenti dal 30% al 180%.  
 
Con la riforma i valori catastali degli immobili saranno allineati a quelli di mercato. In molti casi gli aumenti saranno inevitabili, ma secondo quanto ha sempre assicurato il Governo, saranno compensati da una serie di correzioni nella tassazione locale.
 

Come sarà il Catasto dopo la riforma

Gli immobili non saranno più raggruppati in categorie e classi, ma ci saranno solo due tipologie di fabbricati: quelli ordinari e quelli speciali. Gli appartamenti saranno inseriti tutti nella categoria ordinaria O/1, mentre ville, immobili signorili e artistici avranno una regolamentazione diversa.
 
Per consentire una valutazione più oggettiva, il valore degli immobili sarà determinato dalla superficie e non più dai vani. A ogni unità immobiliare sarà attribuita una rendita e un valore patrimoniale.
 
Per gli immobili ordinari, dopo aver rilevato la superficie, le rendite e i valori patrimoniali saranno determinati applicando apposite funzioni statistiche che mettano in relazione il reddito e il valore medio ordinario di mercato con le caratteristiche dell’immobile e gli altri fattori in grado di
aumentarne o diminuirne il valore complessivo, come ad esempio la sua posizione.
 
Nel caso dei fabbricati speciali si procederà mediante stima diretta, mentre le rendite saranno calcolate applicando saggi di redditività media ai valori patrimoniali.
 
Una revisione generale degli estimi potrà essere effettuata ogni dieci anni e con cadenza quinquennale saranno adottati coefficienti di adeguamento.
 
Al momento l’unica certezza è rappresentata dalle commissioni censuarie, chiamate alla revisione dei valori immobiliari e delle rendite. Le commissioni censuarie locali saranno 103, più una centrale con sede a Roma e funzione di supervisore. Le Commissioni censuarie locali avranno il compito di validare le funzioni statistiche determinate dall’Agenzia delle Entrate, che devono esprimere la relazione tra il valore di mercato, la localizzazione e le caratteristiche edilizie dei beni per ciascuna destinazione catastale e per ciascun ambito territoriale, anche all’interno di uno stesso comune.
 
La Commissione censuaria centrale deciderà sui ricorsi dell’Agenzia delle Entrate e dei Comuni
contro le decisioni delle commissioni censuarie locali ed eserciterà poteri sostitutivi nel caso in cui le commissioni locali non provvedano alla validazione delle funzioni statistiche.



 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
marco

se fosse così non si sarebbero messi neanche in ballo lo sapevano già..... la cosa è più grande di quello che voglino far credere loro vogliono che si facciano più commissioni, più studi, fa' e desfà lé semper laurà, quando poi usi soldi non tuoi è ancora più bello.........

thumb profile
Luis

....si non hanno voluto aumentare le tasse .....ma ai ricchi perchè tutti sanno che possiedono immobili di prEgio in centro con valori catastali molto bassi e ville faraoniche in campagna accatastate come caseggiati rurali....altro che scrupolo per l'aumento delle tasse!

thumb profile
NikAlta

Non si vogliono toccare gli interessi dei proprietari degli immobili nelle zone centrali che si vedrebbero aumentare le rendite del 200-300% - ormai le rendite delle nuove costruzioni in zone più periferiche sono in linea con i valori reali. Chissà a chi fa comodo questa situazione: ai soliti noti?

thumb profile
marco

Lo sapevano anche i muri che le rendite potevano aumentare in quanto i valori catastali non sono in linea con i valori di mercato in quanto spesso sono più bassi anche di 1/3. ora i geni della riforma del catasto non è venuto in mente di modificare l'aliquota per ristabilire l'equita? probabilmente questo blocco serve per conforndere i contribuenti. purtroppo a tantissima gente va bene farsi prendere per i fondelli... perchè la rivoluzione è meglio cominciare a farla da subito...........


x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati