Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
AZIENDE

EasyWand di Alubel per Plastorgomma Service: un'accoppiata vincente

Commenti 2293
06/07/2015 - Plastorgomma Service srl è una vivace azienda con sede a Rubiera nel cuore dell'Emilia. Si occupa di componentistica industriale, fornendo prodotti e soluzioni in diversi campi, dalla pneumatica, alle tubazioni, alle trasmissioni di potenza.

Plastorgomma Service si propone come partner delle tante realtà produttive che sono la spina dorsale del made in Italy e guarda con fiducia ai mercati emergenti. E' un'azienda che cresce e investe: recentemente ha completato l'ampliamento della sede di Rubiera, aggiungendo un corpo uffici all'esistente edificio destinato al magazzino. Si tratta di un ampliamento di dimensioni abbastanza contenute, 350mq distribuiti su due piani, che riesce però a rinnovare completamente l'impatto estetico dell'edificio preesistente.

La scelta architettonica del progettista, l'ing. Alfonso Lusvarghi, è stata infatti quella di evidenziare il nuovo volume, che emerge dal centro del prospetto del fabbricato, per conferire all'edificio un nuovo stile, al passo con i tempi. In questo modo un edificio anonimo, uno delle migliaia di capannoni prefabbricati in calcestruzzo che banalizzano il paesaggio della pianura padana, acquista carattere e identità, diventando il “palazzo Plastorgomma Service”. E questo ovviamente contribuisce alla costruzione dell'immagine aziendale.

L'elemento che più di tutti caratterizza il nuovo ampliamento è sicuramente il rivestimento in lastre metalliche Alubel: è una soluzione moderna, efficiente e funzionale, che va di pari passo con gli obiettivi aziendali del committente. In particolare il progettista ha scelto i pannelli coibentati EasyWand di Alubel, posati orizzontalmente, in alluminio preverniciato con finitura smooth di color antracite e con alcuni inserti di color rosso fuoco: il risultato è una facciata dalla forte identità ed estremamente riconoscibile.

Se poi ci si avvicina all'edificio e lo si guarda nel dettaglio, si scopre che ogni particolare è stato curato con grande attenzione e che la modularità dei pannelli è stata progettata in funzione dei volumi del paramento esterno e della posizione delle aperture. Tutto questo grazie alla possibilità di personalizzare la lunghezza lastre e alla disponibilità di un'ampia gamma di pezzi speciali.

Tra l'altro lo studio su misura della soluzione di rivestimento ha anche consentito di ottimizzare il taglio delle lastre stesse riducendo gli sfridi e il consumo di materiale. Dal punto di vista delle prestazioni dell'involucro, la scelta della parete ventilata EasyWand permette di raggiungere ottimi livelli di comfort termico, soprattutto nei mesi estivi. Infatti la presenza di un'intercapedine ventilata fra il paramento interno e il rivestimento, costituito dal pannello coibentato in schiuma poliuretanica rivestita con lastra di alluminio preverniciato, consente di disperdere il calore in eccesso evitando il surriscaldamento delle pareti interne.

​Ovviamente il pannello in poliuretano fornisce anche un'utile protezione dal freddo: la sua trasmittanza termica è di tutto rispetto, U=0,88W/mqK. L'uso delle lastre metalliche garantisce inoltre un'elevata durabilità e la massima protezione dall'acqua.  Un altro punto di forza di questa soluzione è stata la semplicità di montaggio che ha permesso di ridurre i tempi di cantiere: in pochi mesi l'impresa Ruggerini Pietro srl ha completato la realizzazione dell'intero fabbricato. Particolarmente efficace si è rivelato il sistema di incastro a scomparsa che ha reso molto facile l'applicazione dei pannelli alla sottostruttura metallica. Insomma EasyWand si è rivelata la scelta vincente.

Alubel su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui