Carrello 0
A Marostica la casa semi-ipogea a ridosso della collina
CASE & INTERNI

A Marostica la casa semi-ipogea a ridosso della collina

di Valentina Ieva

Dario Scanavacca interpreta il tema della 'masiera' per farne un muro 'abitabile'

23/07/2015 - A Marostica, a confine con la “Valle dei Giaroni”, l'architetto veneto Dario Scanavacca ha realizzato una Casa semi-ipogea, reinterpretando il tema della 'masiera' (tipico muro a secco locale) per creare un vero e proprio 'muro abitabile'.

La casa si sviluppa su diversi livelli, tra loro lievemente slittati, che hanno permesso di ottenere un sistema di terrazze verdi: la copertura di ciascun livello fa da giardino al livello superiore.

L'edificio è stato concepito perseguendo il minimo impatto sull'ambiente, come spiega l'architetto:
"Il tetto verde inoltre aumenta l'assorbimento e la permeabilità dell'acqua pluviale e garantisce l'abbassamento della temperatura interna dell'edificio aumentando lo sfasamento termico.
 
A questo si aggiunge l'esposizione dell'edificio unicamente a Sud che riduce, rispetto ad una normale abitazione esposta sui quattro lati, la quantità di calore assorbito nei mesi più caldi e mantiene costante la temperatura delle pareti addossate alla collina; durante tutti mesi dell'anno si ottiene così un equilibrio termico del fabbricato più omogeneo, sfruttandone le peculiari caratteristiche compositive".


"Particolare attenzione -  continua Dario - è stata rivolta anche all'uso di fonti rinnovabili e per questo nella copertura dell'ultimo livello sono stati collocati 24 pannelli fotovoltaici e 3 pannelli solari. La produzione totale di energia elettrica è pari a 6,0 kWp e l'acqua calda prodotta con i pannelli solari viene raccolta in un accumulatore di capacità pari a 600 litri".

L'organizzazione degli spazi interni, è stata pensata in funzione dell'unico fronte aperto verso il paesaggio: zona living e cucina sono disposte al secondo livello, mentre la zonna notte è sistemata al terzo.

Nonostante la forte inclinazione del terreno, l'intervento ha dato forma ad una costruzione incassata nella collina, capace di garantire alla famiglia che vi abita spazi aperti vivibili e spazi interni assai luminosi, garzie all'impiego di aperture di dimensioni ben superiori alle richieste minime dei regolamenti edilizi.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati