Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Appalti, la Sicilia dice basta ai ribassi eccessivi

di Paola Mammarella

Approvato il progetto di legge che rivede i criteri di aggiudicazione delle gare. PD: rischio di incostituzionalità

Vedi Aggiornamento del 04/02/2016
15/07/2015 – In Sicilia cambiano i requisiti di aggiudicazione degli appalti. L’Assemblea regionale siciliana (Ars) ha approvato un progetto di legge che rivede le norme sugli appalti pubblici.
 
La novità di maggiore rilievo è l’introduzione di una soglia di anomalia, che rende impossibile la presentazione di offerte anomale con ribassi eccessivi.
 
Promotore del progetto di legge è stato Sergio Tancredi del Movimento 5 Stelle, che nella nuova norma vede uno strumento di tutela per le imprese in regola, che per non chiudere hanno bisogno di guadagnare e sono quindi impossibilitate a praticare ribassi eccessivi.
 
Soddisfatti anche gli esponenti delle imprese. Secondo Fabio Sanfratello di Ance Sicilia, con la nuova norma i ribassi diventeranno sostenibili e si eviterà di non poter completare le opere a causa di prezzi insostenibili.
 
Sul versante opposto, il Partito Democratico teme un’impugnativa da parte del Governo. La legge regionale potrebbe infatti risultare incostituzionale innescando un conflitto di competenze tra Stato e Regione.


 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati