Carrello 0
MERCATI

Ance: nei primi cinque mesi del 2015 crescono le gare di lavori

di Rossella Calabrese

Nell’analisi dei costruttori si conferma la tendenza positiva registrata nel 2014

Vedi Aggiornamento del 07/03/2016
23/07/2015 - Dopo molti anni di flessioni rilevanti, il 2014 segna una crescita dei bandi di gara per lavori pubblici sia nel numero di pubblicazioni (+30,3%) che nell’importo posto a base di gara (+18,6%) rispetto all’anno precedente.
 
I dati arrivano dall’Osservatorio Congiunturale dell’industria delle costruzioni di luglio 2015 relativo all’andamento e alla struttura dei bandi di gara per lavori pubblici, redatto dall’Associazione Nazionale dei Costruttori Edili (ANCE).
 
La crescita - spiega l’ANCE - coinvolge alcune stazioni appaltanti come Comuni, Anas e Ferrovie e risulta particolarmente sostenuta nel Sud del Paese.
 
L’aumento dei bandi di gara può essere collegato a diversi fattori, come la misura contenuta nella Legge di Stabilità 2014 di allentamento del Patto di Stabilità Interno a favore degli investimenti degli enti locali per un miliardo di euro, la necessità di accelerare la spesa dei fondi strutturali europei; l’attuazione di misure governative adottate a partire dalla seconda metà del 2013 a favore di Ferrovie dello Stato e Anas.
 
I primi cinque mesi del 2015 confermano la tendenza positiva e registrano un aumento del 16,6% in numero e del 22,9% in valore rispetto all’analogo periodo del 2014.
 
Nonostante tale dinamica positiva, i livelli del 2014 e del 2015 risultano bassi e non consentono di recuperare le pesanti flessioni dei periodi precedenti. Nell’arco del decennio 2003-2013 il mercato dei lavori pubblici, si è infatti fortemente ridimensionato, con un importo posto in gara più che dimezzato (-55,3% in termini reali).
 
 

 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati