Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Concorso per 120 ingegneri e geologi al MIMS, pubblicato il bando
PROFESSIONE Concorso per 120 ingegneri e geologi al MIMS, pubblicato il bando
MERCATI

Società di ingegneria: nel 2014 sale del 2% la produzione

di Alessandra Marra

Rapporto OICE-Cer: aumento dell’occupazione del 2,6% e stime di crescita del 3,9% per il 2015

Vedi Aggiornamento del 20/11/2015
Commenti 4738
20/07/2015 – Positivo il valore della produzione delle società di ingegneria nel 2014, con un +2% rispetto al 2013 e con un importo totale pari a 1,26 miliardi. Trend positivo anche per il 2015 con un aumento della produzione che dovrebbe aumentare ad un tasso del 3,9%.
 
Questi alcuni dati positivi messi in luce nella 31esima edizione della Rilevazione annuale sulle società di ingegneria italiane, curata dall’OICE, l’Associazione aderente a Confindustria che raggruppa più di 400 società di ingegneria, con la collaborazione del Centro Europa Ricerche (Cer), che è stata presentata il 16 luglio 2015 a Roma presso la sede dell’associazione.
 

Società d’ingegneria: dati OICE

Il 2014 è stato un anno positivo sul fronte dell’occupazione con un + 2,6% e con stime di crescita analoga nel 2015.
 
Si è registrato un aumento netto nella produzione estera che registra un incremento del 15%, così come positivi sono i dati relativi ai contratti acquisiti nel 2014 (+10,7%), con una previsione per il 2015 di piccolo aumento (0,6%). I contratti all’estero sono in aumento del 14% nel 2014 e del 17% come stima del 2015%.
 
Si riduce però il portafoglio ordini (- 9,5% nel 2014 e dell’1,5% nel 2015) per le imprese oltre i 50 addetti, che nel 2014 registrano un -13,9%, mentre quelle al di sotto dei 50 addetti crescono del 3,6%. Per quel che riguarda la domanda pubblica, il mercato degli appalti pubblici nel 2014 cresce del 17,8% sul 2013, anche se nel 2015 si stima una crescita leggermente inferiore.
 
Fra i problemi che affliggono il settore quello dei ritardati pagamenti rimane fra i più rilevanti dal momento che molte società lo percepiscono in peggioramento rispetto all’anno precedente, così come rimane sempre minimo il valore della domanda pubblica rispetto al dato degli altri paesi europei.
 

Ingegneria, segnali di ripresa

Per l’ing. Patrizia Lotti, presidente OICE,la situazione complessivamente ancora critica all’interno della quale si muovono gli associati OICE comincia a dare segnali di inversione di tendenza”.
 
La Lotti ha dichiarato: “Non si può parlare ancora di una ripresa tale da riportare la situazione a quella pre-crisi del 2008, ma è positivo che vi sia una inversione di tendenza, anche se il non positivo dato sul portafoglio ordini (-9,5% nel 2014) ci deve invitare ad una doverosa prudenza. Il report anche quest’anno conferma che le strategie di internazionalizzazione di crescita dimensionale sono quelle che maggiormente possono contribuire al riposizionamento delle nostre società sui diversi mercati, puntando soprattutto sulla diversificazione dei mercati stessi.”
 
Per l’OICE la ricetta è sempre duplice: occorre fare ancora di più per supportare le società di ingegneria ad andare sui mercati esteri in logiche di networking, di aggregazione e di specializzazione mentre sul fronte domestico il Governo e il Parlamento devono assicurare il più possibile un rilancio della domanda di ingegneria e architettura e un chiarimento della normativa.
 
La presidente OICE ha continuato: “Fondamentale sarà il lavoro che si sta facendo sul ddl delega appalti che appare ben indirizzato verso la valorizzazione del progetto e del progettista. Un momento essenziale di questo percorso dovrebbe essere quello della revisione del ruolo della Pubblica Amministrazione che dovrà essere indirizzata verso le funzioni di programmazione e controllo. Per il resto occorrerà quindi garantire continuità rispetto alle regole attuali concernenti la disciplina delle società di ingegneria e fare il possibile per appaltare i lavori su progetti ben fatti e validati.”
 
Per il Cer il direttore generale Stefano Fantacone, nel dare conto dei dati della Rilevazione, ha anche evidenziato il contesto di rasserenamento dello scenario macroeconomico: “Se è vero che nel 2014, per il terzo anno consecutivo, il PIL è diminuito, i dati dell’ultimo trimestre danno conto di una inversione del ciclo economico visto che ordini e produzione sono registrati in rialzo e che i risultati sul PIL 2015 segnano un incremento che mancava da tre anni. Nelle nostre stime prevediamo che il prodotto interno lordo aumenti nel 2015 dello 0,9% e che nel 2016 si vada verso una accelerazione dell’1,3%, con un assestamento allo 0,8% nel 2017. La riduzione dei tassi di interesse, il calo del prezzo del petrolio e il deprezzamento nel cambio, tutti elementi che hanno un effetto a breve, non assicureranno un recupero strutturale delle potenzialità di sviluppo; occorreranno altri interventi di politica economica che rendano più fluido il mercato per potere consolidare il miglioramento che si intravede. Tutto questo a condizione che la vicenda della Grecia – che sempre più rappresenta un fattore di rischio concreto - trovi definitiva soluzione così da evitare ulteriori turbolenze finanziarie.”


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui