Carrello 0
NORMATIVA

#ScuoleNuove, assegnati i 100 milioni di euro fuori dal patto di stabilità

di Paola Mammarella

Le risorse sono state ripartite tra Province e Città Metropolitane per la realizzazione di nuovi edifici e manutenzioni importanti

Vedi Aggiornamento del 01/06/2016
23/07/2015 – Sono stati assegnati alle Province e alle Città Metropolitane i 100 milioni di euro per la realizzazione di nuovi edifici scolastici e le manutenzioni importanti delle scuole, previste dal programma #ScuoleNuove.

Gli investimenti che saranno realizzati con queste risorse (50 milioni per il 2015 e 50 milioni per il 2016) sono esclusi dal patto di stabilità interno degli enti locali, come previsto dalla Legge di Stabilità 2015.

Verifica le risorse assegnate alla tua città
 

Scuole, nuovi edifici e manutenzioni importanti

Nella ripartizione dei fondi sono state tenute in particolare considerazione le scuole superiori, che secondo le indagini della Struttura di Missione per l’edilizia scolastica di Palazzo Chigi sono risultate spesso in condizioni critiche e di sovraffollamento.
 
Ricordiamo che, con una lettera dello scorso 27 marzo, il Governo aveva invitato le Province e le Città Metropolitane a presentare la domanda di esclusione di alcuni interventi dal patto di stabilità entro il 12 maggio 2015. Sulla base delle richieste pervenute è stata quindi stilata la graduatoria delle province e delle città, contenuta nella bozza di dpcm, che potranno accedere ai fondi stanziati.

Scopri quante risorse sono state assegnate alla tua città
 

Monitoraggio degli interventi di edilizia scolastica

Le Amministrazioni beneficiarie dovranno comunicare alla Struttura di missione il monitoraggio dello stato di avanzamento dei lavori.
 
Non sarà possibile trasferire gli spazi finanziari concessi da un anno all’altro. Ciò significa che, in caso di ritardi, le risorse previste per il 2015 non potranno essere spese nel 2016, ma andranno perse.
 
Ricordiamo inoltre che una misura analoga è stata prevista anche per i Comuni. Il Decreto Enti locali (DL 78/2015) ha previsto lo sblocco fino a 40 milioni di euro per lavori di messa in  sicurezza degli edifici scolastici.
 

School Bonus per chi finanzia l’edilizia scolastica

Le misure approvate confermano l’attenzione sulla riqualificazione delle scuole e la realizzazione di nuovi edifici. Ricordiamo che nei giorni scorsi è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge 107/2015 sulla Riforma della Scuola, che incentiva i privati a finanziare i lavori di messa in sicurezza e nuova costruzione riconoscendo loro una detrazione fiscale.
 
Lo School bonus previsto per le donazioni effettuate nel 2015 e 2016 ammonta al 65%, mentre viene rimborsato il 50% delle spese sostenute se la donazione è erogata nel 2017.
 
Per ogni periodo di imposta possono essere donati al massimo 100 mila euro.



 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati