Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, in arrivo deroghe alle distanze e varianti semplificate
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, in arrivo deroghe alle distanze e varianti semplificate
PROFESSIONE

Catasto, agrotecnici esclusi dalle pratiche immobiliari

di Alessandra Marra

Geometri: “La Corte Costituzionale consolida la nostra leadership sulle competenze estimative”

Vedi Aggiornamento del 04/05/2017
Commenti 10355
23/07/2015 – Gli agrotecnici non potranno più redigere atti di aggiornamento catastale, in particolare di aggiornamento geometrico, in quanto la norma che lo consentiva è stata dichiarata incostituzionale.

A stabilirlo la Corte Costituzionale che, con la sentenza 154/2015, ha accolto il ricorso di categorie professionali concorrenti (in particolare dei Geometri), e ha annullato la norma (l’art. 26 comma 7- ter del DL 248/2007, poi convertito nella Legge 81/2008) che sanciva l’abilitazione allo svolgimento delle pratiche catastali per gli Agrotecnici.

 
Competenze catastali, le argomentazioni della Corte

Secondo la Corte l’art. 26, comma 7-ter del DL 248/2007 (Milleproroghe 2007), disposizione aggiunta in sede di conversione, difetterebbe del requisito della straordinarietà e dell’urgenza che pervade l’intervento normativo urgente cosiddetto “milleproroghe”, provvedendo ad ampliare le competenze degli agrotecnici, con norma disomogenea rispetto all’oggetto e alla finalità del decreto-legge”.

La Corte Costituzionale motiva la sentenza di illegittimità con il fatto che la “disposizione interpretativa” era contenuta in un decreto-legge “omnibus”, aggiunto in corso di approvazione del decreto stesso, mentre quel comma doveva essere presente fin dall’inizio od essere inserito in un decreto-legge autonomo.
 
In più la Corte Costituzionale osserva che “la norma censurata contrasterebbe con l’art. 3 Costituzione nella parte in cui, in modo arbitrario, verrebbe ad influire, in termini di impropria concorrenza sull’attività professionale dei geometri, ad onta della loro comprovata e più adeguata preparazione nella materia catastale. L’ingiustificata estensione delle competenze degli agrotecnici inciderebbe, infine, anche sul buon andamento della pubblica amministrazione tutelato dall’art. 97, secondo comma, Cost., che risulterebbe pregiudicato dallo svolgimento di attività ad opera di soggetti non dotati di un’adeguata capacità professionale”.
 
La Corte richiama anche una precedente pronuncia (sentenza 441/2000), con la quale la Consulta aveva sottolineato che la preparazione dell’agrotecnico è rivolta maggiormente agli aspetti economici e gestionali dell’azienda agraria, mentre le competenze in materia di catasto sono circoscritte ad un livello descrittivo”.

 
Catasto, il commento di agrotecnici e geometri

Per gli agrotecnici la norma è stata annullata solo per un vizio di forma e non, ad esempio, per incapacità professionale degli Agrotecnici, per errori negli atti catastali, ecc. Infatti ribadiscono che il comma che gli abilitava all’esercizio di tali competenze è stato cancellato solo perché la legge che le regolava era stata inserita in un contesto sbagliato, ovvero un decreto legge.
 
La decisione della Corte lascia perplessi gli Agrotecnici che hanno dichiarato: “Un simile annullamento non è affatto normale; se infatti, per davvero, i decreti-legge non potessero, in fase di conversione, contenere alcuna disposizione aggiuntiva (a pena di nullità della stessa), allora la maggior parte delle leggi andrebbero cancellate, perché nel nostro paese, da tempo, si legifera solo attraverso decreti-legge (che sono poi integrati nel corso del dibattito parlamentare)”.
 
Per i geometri la recente sentenza della Corte Costituzionale “ha confermato una vocazione che il geometra ha sempre avuto e nel tempo ulteriormente sviluppato: la specifica competenza in materia catastale e il ruolo estimativo per il settore immobiliare”. Infatti per il Consiglio nazionale Geometri (CNGeGL)  “i geometri sono i professionisti tecnici più aggiornati sul catasto digitale e sulle nuove procedure Docfa e Pregeo10”.
 
Il CNGeGL ha proseguito: “La decisione della Corte Costituzionale conferma la competenza specifica dei ‪geometri in materia catastale e il ruolo estimativo per il settore immobiliare”.


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
giovanni

Se non ricordo male qualche tempo fa il CNGeGL, a commento di una sentenza del Consiglio di Stato sfavorevole ai geometri, commentava così la vicenda: “le pronunce negative da parte della magistratura sono conseguenza di liti giudiziarie, spesso intraprese per questioni di compenso professionale” - http://www.edilportale.com/news/2015/05/professione/cemento-armato-i-geometri-riaprono-la-battaglia_45638_33.html. Qualche anno fa, con diplomatica veggenza qualcuno cantava: "...la terra dei cachi....". W l'Italia.