Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Bando per efficientare gli edifici pubblici al Sud: domande dal 14 luglio

di Rossella Calabrese

Ai Comuni di Calabria, Campania, Puglia e Sicilia 50 milioni di euro di contributi a fondo perduto

Vedi Aggiornamento del 29/07/2015
08/07/2015 - A partire dal 14 luglio e fino al 12 settembre 2015, le amministrazioni comunali di Calabria, Campania, Puglia e Sicilia potranno richiedere contributi a fondo perduto per interventi di efficientamento energetico e produzione di energia da fonti rinnovabili negli edifici pubblici.
 
Si tratta del Bando ‘Comuni per la Sostenibilità e l’Efficienza Energetica’ (Avviso CSE 2015) destinato alle Regioni Convergenza; il plafond ammonta a 50 milioni di euro che verranno assegnati fino ad esaurimento dei fondi.
 

Cosa finanzia il Bando CSE

L’Avviso ‘Comuni per la Sostenibilità e l’Efficienza Energetica 2015’ finanzia interventi da realizzare attraverso l’acquisizione tramite le procedure telematiche del Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA) dei seguenti prodotti:
- impianto fotovoltaico connesso in rete;
- impianto solare termico acs per uffici;
- impianto solare termico acs per scuole con annessa attività sportiva;
- impianto a pompa di calore per la climatizzazione;
- interventi di relamping.
 
Il finanziamento è concesso nella forma del contributo a fondo perduto fino al 100% dei costi ammissibili, secondo una procedura a sportello gestita dal Ministero dello Sviluppo Economico. Tutti gli interventi dovranno essere realizzati sulla base di una diagnosi energetica dell’edificio oggetto dell’intervento, che deve essere già in possesso dell’Amministrazione. Non potranno essere richiesti contributi in relazione a edifici ricompresi tra i beni culturali di cui all’art. 10 del Dlgs 22 gennaio 2004.
 

Cosa devono fare i Comuni per partecipare

Dal 28 maggio 2015 le Amministrazioni comunali abilitate al MePA possono attivare le procedure per acquistare nell’ambito del bando “Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica” del Mercato Elettronico, gli specifici prodotti “POI - Energia C.S.E. 2015” elencati nella “tabella prodotti POI” ricompresa nell’Avviso. I relativi acquisti possono essere attivati esclusivamente tramite una richiesta di offerta (RdO).
 
Dopo l’aggiudicazione provvisoria della RdO, i Comuni presenteranno apposita istanza di concessione del contributo fino al 100% dei costi ammissibili. Come già detto, l’istanza potrà essere presentata a partire dal 14 luglio 2015 sino a esaurimento della dotazione finanziaria dell’Avviso e, comunque, non oltre il 12 settembre 2015.
 
Il contributo concesso in relazione a ciascun intervento oggetto della singola istanza deve essere di importo:
- almeno pari a 40.000,00 euro IVA esclusa;
- complessivamente concesso in favore di ciascun Comune, in relazione ad uno o più interventi, deve essere inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria di cui all'art. 28, co. 1, lett. b) del Codice degli Appalti (DLgs 163/2006), di volta in volta vigente alla data di emissione della RDO, e attualmente pari ad 207.000,00 euro oltre IVA.

 
Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento segui la nostra redazione anche su FacebookTwitter e Google+
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Mario Gargani

Altro denaro a pioggia completamente sprecato. Si persegue nell'aiutare gli amministratori locali di comuni lassisti a restare saldamente al loro posto tramite denaro statale sprecato e tramite il sempre ottimo metodo degli appalti truccati,leggasi appalti costruiti ad hoc per far vincere una e una sola azienda.