Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
RISPARMIO ENERGETICO

Efficienza energetica negli edifici, ecco i tre nuovi decreti

di Rossella Calabrese

A breve in Gazzetta Ufficiale l’APE 2015, le nuove metodologie di calcolo e i requisiti minimi, gli schemi di relazione tecnica di progetto

Vedi Aggiornamento del 22/08/2016
Commenti 50376
03/07/2015 - Dopo aver acquisito l’intesa della Conferenza Unificata e le firme dei Ministri competenti, stanno per essere pubblicati in Gazzetta Ufficiale i tre decreti del Ministero dello Sviluppo Economico che completeranno il quadro normativo in materia di efficienza energetica negli edifici.
 

Attestato di Prestazione Energetica - APE

Il primo decreto (scarica bozza del 26 giugno 2015) contiene le nuove linee guida nazionali per l’Attestazione della Prestazione Energetica degli edifici (APE 2015). Il nuovo modello di APE - spiega il Ministero - sarà uguale per tutto il territorio nazionale e offrirà al cittadino, alle Amministrazioni e agli operatori maggiori informazioni riguardo l’efficienza dell’edificio e degli impianti, consentendo un più facile confronto della qualità energetica di unità immobiliari differenti e orientando il mercato verso edifici con migliore qualità energetica.
 
Le classi energetiche passeranno da sette a dieci, dalla A4 (la migliore) alla G (la peggiore). Il certificatore incaricato di redigere l’APE  dovrà effettuare almeno un sopralluogo presso l’edificio o l’unità immobiliare oggetto di attestazione.
 
L’APE dovrà indicare le proposte per migliorare l’efficienza energetica dell’edificio, distinguendo le ristrutturazioni importanti dagli interventi di riqualificazione energetica, e le informazioni su incentivi di carattere finanziario per realizzarli.
 
Infine, il decreto definisce uno schema di annuncio di vendita e locazione che uniforma le informazioni sulla qualità energetica degli edifici, e istituisce un database nazionale dei certificati energetici (SIAPE).
 

Metodologia di calcolo e requisiti minimi delle prestazioni energetiche

Il secondo decreto (scarica bozza del 26 giugno 2015) definisce le nuove modalità di calcolo della prestazione energetica e i nuovi requisiti minimi di efficienza per i nuovi edifici e quelli sottoposti a ristrutturazione. Il decreto rafforza gli standard energetici minimi per gli edifici nuovi e per quelli ristrutturati, ottimizzando il rapporto costi/benefici degli interventi, per arrivare a realizzare gli Edifici a Energia Quasi Zero previsti dalla Direttiva 2010/31/UE.
 
Inoltre, il decreto punta ad una applicazione delle norme immediatamente operativa e omogenea in tutte le Regioni, per ovviare all’attuale frammentazione normativa dovuta all’ampia autonomia regionale nel recepire la precedente Direttiva 2002/91/UE.

Per gli edifici di nuova costruzione e per quelli sottoposti a ristrutturazioni importanti, il rispetto dei requisiti minimi andrà verificato confrontando l’edificio con un edificio di riferimento (identico per geometria, orientamento, ubicazione, destinazione d’uso). Per gli edifici interessati da semplici riqualificazioni energetiche, relative all’involucro edilizio e agli impianti tecnici, sono indicati i requisiti minimi. 
 

Schemi di relazione tecnica di progetto

Il terzo decreto (scarica bozza del 26 giugno 2015) fornisce schemi e modalità di riferimento per la compilazione della relazione tecnica di progetto ai fini dell’applicazione delle prescrizioni e dei requisiti minimi di prestazione energetica negli edifici. Gli schemi sono stati predisposti in funzione delle diverse tipologie di opere: nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti, riqualificazioni energetiche.
 

Gli Edifici a Energia Quasi Zero

“Con l’emanazione di questi provvedimenti - si legge nella nota del Ministero - si compie un passo importante verso l’incremento degli Edifici a Energia Quasi Zero. Infatti, a partire dal 1° gennaio 2021 i nuovi edifici e quelli sottoposti a ristrutturazioni significative dovranno essere realizzati in modo tale da ridurre al minimo i consumi energetici coprendoli in buona parte con l’uso delle fonti rinnovabili. Per gli edifici pubblici tale scadenza è anticipata al 1° gennaio 2019”.
 
I tre provvedimenti entreranno in vigore il 1° ottobre 2015 e “consentiranno all’Italia di essere completamente in linea con le direttive europee in materia” - conclude il comunicato.
 
 

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
oXjUYUcGFxduQcowPfS

I'd like to apply for this job

thumb profile
eXCjTcKkYWzXvH

Thanks funny site

thumb profile
qZxUaTgAzzRPf

The manager

thumb profile
WqEMQpAXPD

Where's the nearest cash machine?

thumb profile
JGrpikuEFrTguL

A pension scheme

thumb profile
gvsFatQvyxXQ

Can you hear me OK?

thumb profile
PxVvlOHdius

Another year

thumb profile
kzfCHMRvfEeOcnx

My battery's about to run out

thumb profile
xXIFUKWhIeg

How many are there in a book?

thumb profile
hNPUiBjkJwH

I'm happy very good site

thumb profile
Uno che ne ha pieni i maroni

E si, dopo che tutti hanno mangiato e bevuto con migliaia di corsi, programmi informatici, convegni, ecc. adesso ci accorgiamo che una casa in Sicilia non può avere un APE diverso da quello della Lombardia o dal resto d'Europa o dal mondo intero e di cui comunque a nessuno frega niente, essendo in continuo aggiornamento la normativa di calcolo... Non la smetteranno mai...