Carrello 0
NORMATIVA

Abusi edilizi, il proprietario deve intervenire in modo attivo

di Paola Mammarella

CdS: se si limita a dissociarsi dal comportamento dell’inquilino, ma non si attiva per la demolizione delle opere il Comune può espropriare l’immobile

Vedi Aggiornamento del 30/03/2016
27/08/2015 – Il proprietario di un immobile che non interviene in modo attivo contro gli abusi edilizi commessi dal locatario ne risponde in prima persona. È questo il concetto ribadito dal Consiglio di Stato con la sentenza 3897/2015.
 
Nel caso preso in esame, un Comune aveva disposto l’acquisizione nel suo patrimonio di un immobile in cui era stato commesso un abuso edilizio.
 
L’immobile era stato affittato ad una società che non aveva rispettato l’ordinanza di demolizione delle opere abusive.
 
Il proprietario si era però opposto, sostenendo che non poteva essere punito per un illecito che non aveva commesso.
 
Dal momento che l’ordine di demolizione era stato comunicato non solo al locatario, ma anche al proprietario, il Tribunale amministrativo prima e il Consiglio di Stato poi hanno respinto il suo ricorso.
 
Secondo i giudici, quando il proprietario viene a sapere che il suo inquilino ha realizzato delle opere abusive non può limitarsi a un comportamento passivo, come dissociarsi dalla condotta del locatario.
 
Come già affermato in altre pronunce, il Consiglio di Stato ha ribadito che il proprietario deve provare di aver intrapreso iniziative concrete per la rimozione dell’abuso, ad esempio diffidando l’inquilino o minacciando la risoluzione del contratto per inadempimento.

Segui la nostra redazione anche su Facebook, Twitter e Google+

 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati