Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110% e difformità urbanistiche, cosa è consentito fare e cosa no
NORMATIVA Superbonus 110% e difformità urbanistiche, cosa è consentito fare e cosa no
LAVORI PUBBLICI

Opere pubbliche incompiute, a fine 2014 sono 868

di Alessandra Marra

Con i dati della Sicilia si completa la ricognizione del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti

Vedi Aggiornamento del 15/03/2016
Commenti 6131
18/09/2015 – Con la pubblicazione del dato relativo alla Sicilia, si completa la ricognizione delle opere incompiute di carattere nazionale relativa al 31 dicembre 2014; il totale nazionale sale quindi a 868.
 
Rispetto ai dati di luglio 2015, che le singole Regioni (tranne la Sicilia) avevano trasmesso all’Anagrafe delle Opere Incompiute di interesse nazionale, la cifra sale da 649 a 868 opere.
 

Opere incompiute, gli elenchi aggiornati

Secondo gli elenchi, pubblicati sull’apposito sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, sono 40 le opere statali o sovra-regionali non ancora completate e per concluderle servirebbero circa 710 milioni di euro. 
 
La regione con il maggior numero di opere non ancora completate è proprio la Sicilia, che dal 2013 al 2014 ha triplicato la cifra delle incompiute censite, passando da 67 a 215.
 
La più virtuosa invece la Provincia autonoma di Trento che segnala di non avere opere incompiute.
 
Ricordiamo che l'Anagrafe è stata prevista nel 2011, ma è diventata operativa nel 2013 con successivi decreti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Questo è il terzo anno di pubblicazione dell’Anagrafe delle Opere Incompiute e, come gli anni passati,  negli elenchi vengono segnalate, per ogni opera, la stazione appaltante, le risorse, la percentuale di lavori compiuti e le cause rilevanti dell’interruzione.

Tra le cause per la mancata conclusione delle opere le più frequenti sono:
- mancanza di fondi;
- cause tecniche;
- sopravvenute nuove norme tecniche o disposizioni di legge;
- fallimento, liquidazione coatta e concordato preventivo dell'impresa appaltatrice, risoluzione del contratto o di recesso dal contratto;
- mancato interesse al completamento da parte della stazione appaltante, dell'ente aggiudicatore o di altro soggetto aggiudicatore.

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui