Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Comprare casa, nullo il preliminare senza il prezzo di acquisto
NORMATIVA Comprare casa, nullo il preliminare senza il prezzo di acquisto
NORMATIVA

Piscine e locali interrati possono non rispettare le distanze

di Paola Mammarella

Tar Campania: i pergolati devono invece attenersi alle norme sulle distanze dai confini e dalle strade pubbliche

Vedi Aggiornamento del 20/04/2017
Commenti 41976
24/09/2015 – Nella realizzazione di piscine che non superano il livello del terreno non è necessario il rispetto delle distanze dai confini e dalla strada. Lo stesso vale per i locali interrati, ma non per le pergole, anche se sono poste a servizio di un’abitazione preesistente.
 
I chiarimenti sono arrivati dal Tar Campania con la sentenza 3520/2015.
 
Nel caso esaminato, il proprietario di un terreno aveva avviato i lavori per la realizzazione di una piscina, di una serie di locali posti a servizio della piscina e di un pergolato. Successivamente aveva chiesto il permesso di costruire in sanatoria. Che era stato concesso dal Comune solo per la piscina e i locali interrati.
 
Il proprietario confinante si era però opposto e aveva impugnato il titolo abilitativo sostenendo che le opere non rispettavano la distanza di 15 metri dai confini e di 30 metri dalla strada pubblica, come previsto dal PRG.
 
I Giudici hanno dato torto al ricorrente spiegando che le piscine di modeste dimensioni possono essere considerate un impianto tecnologico al servizio dell’abitazione. Il Tar ha aggiunto che se la piscina e i locali al suo servizio non superano il livello del suolo e non hanno un’altezza maggiore di 2,50 metri, non devono essere considerati ai fini volumetrici. Oltre a questo era stato accertato che i manufatti non avrebbero pregiudicato la salubrità dell’ambiente tra gli edifici confinanti.
 
Il Tar ha spiegato inoltre che deve essere considerata come una costruzione qualsiasi opera non completamente interrata con i caratteri della solidità, stabilità e immobilizzazione rispetto al suolo, anche mediante appoggio, incorporazione o collegamento fisso al corpo di fabbrica. Sulla base di queste considerazioni, i giudici hanno convalidato la sanatoria della piscina e dei locali interrati e il diniego del Comune nei confronti del pergolato.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa