Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Porti, via libera a 906 milioni di euro per 23 interventi
LAVORI PUBBLICI Porti, via libera a 906 milioni di euro per 23 interventi
NORMATIVA

Prestazione energetica degli edifici, il Piemonte si adegua alle norme nazionali

di Paola Mammarella

In vigore dal primo ottobre 2015 le nuove regole regionali sui requisiti dei certificatori e la redazione del nuovo APE

Vedi Aggiornamento del 06/10/2015
Commenti 13567
30/09/2015 – Il Piemonte si adegua alle nuove linee guida sulla prestazione e certificazione energetica degli edifici.
 
La Giunta Regionale ha approvato la Delibera 14-2119/2015, che uniforma le disposizioni regionali sulla certificazione energetica a quelle contenute nel Dpr 75/2013 per l’accreditamento dei certificatori, nel D.lgs 192/2005 e nei suoi decreti attuativi. Si tratta, lo ricordiamo, dei tre decreti sul nuovo Attestato di prestazione energetica (APE 2015), metodologia di calcolo delle prestazioni energetiche ed esempi per la compilazione della relazione tecnica.
 
Le nuove regole regionali entreranno in vigore a partire dal primo ottobre 2015, contemporaneamente alle novità a livello nazionali.
 

Certificatori della prestazione energetica degli edifici

Per essere abilitati all’attività di attestazione della prestazione energetica degli edifici, è necessario essere in possesso dei requisiti previsti dal Dpr 75/2013 e iscriversi nell’“Elenco regionale dei soggetti abilitati al rilascio dell’attestato di prestazione energetica”. I tecnici devono essere abilitati, nell'ambito delle specifiche competenze attribuite dalla legislazione vigente, all'esercizio della professione relativa alla progettazione di edifici e impianti asserviti agli edifici ed essere iscritti al relativo ordine o collegio professionale, ove esistente.
 
Se il tecnico non è competente in tutti i campi, deve operare in collaborazione con un altro tecnico abilitato o, in alternativa, seguire un apposito corso di formazione. Il programma del corso, articolato in nove moduli, è diretto a fornire richiami teorici di termodinamica, bilancio di energia del sistema edificio ‐ impianto e elementi conoscitivi relativi alla procedura di emissione dell’attestato di prestazione energetica.
 
Per garantire un’applicazione corretta sul territorio regionale sono inoltre previsti corsi di aggiornamento di dieci ore per i tecnici già iscritti nell’Elenco regionale.
 

Attestato di prestazione energetica

L’attestazione di prestazione energetica deve essere richiesta, a spese del costruttore,  proprietario o detentore dell’immobile, ad un soggetto inserito nell’Elenco regionale dei professionisti e dei soggetti abilitati.
 
Dopo aver dichiarato l’assenza di conflitto di interessi o grado di parentela con il richiedente, il tecnico effettua una serie di operazioni: valutazione standard (asset  rating) finalizzata alla determinazione della prestazione energetica dell’edificio e degli eventuali interventi di riqualificazione energetica che risultino economicamente convenienti; la classificazione dell’edificio e la compilazione e trasmissione dell’attestato.
 
Il Sistema informativo per la prestazione energetica degli edifici (SIPEE), contenente l’Elenco dei certificatori e la raccolta degli attestati di prestazione energetica, opererà in modo condiviso con il sistema informativo nazionale (SIAPE).
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui