Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
NORMATIVA Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
RISTRUTTURAZIONE

Fari, valorizzazione green al 100% e a km 0

di Alessandra Marra

Conclusa la consultazione pubblica: gli italiani vorrebbero trasformarli in strutture turistiche, alberghi e ristoranti

Vedi Aggiornamento del 27/06/2016
Commenti 6112
04/09/2015 – La valorizzazione e il restauro dei fari dello Stato dovrà essere ecosostenibile e le strutture dovranno essere utilizzate per accogliere i turisti.
 
Sono questi i risultati della consultazioni pubblica on line promossa dall'Agenzia del Demanio per raccogliere proposte e suggerimenti riguardanti gli scenari di valorizzazione futura di 11 fari di proprietà dello Stato, di cui 4 proposti dal Ministero della Difesa.
 

Valorizzazione fari: i risultati della consultazione

Su 1.140 email raccolte la quasi totalità dei partecipanti si è espressa a favore di una valorizzazione dei fari secondo un modello di lighthouse accomodation ed una valorizzazione delle strutture esistenti grazie ad un restauro conservativo ed eco-sostenibile.
 
Inoltre l’87% dei partecipanti suggerisce l’accoglienza turistica, ricettiva, ristorativa o promozionale, come la formula migliore per consentire il recupero ed il mantenimento del faro e la salvaguardia e lo sviluppo del contesto ambientale in cui è inserito.
 
Si è infatti evidenziata la necessità che l’attività sviluppata all’interno del faro possa essere occasione di lancio anche di un’impresa sociale, altamente innovativa e sostenibile a livello economico, culturale e ambientale, green al 100%, ad impatto e km 0.
 
La bellezza dei luoghi in cui i fari sono inseriti appare oggi poco fruibile al pubblico e un loro recupero consentirebbe di scoprire, vivere e animare questi siti. Si ribadisce, però, che una soluzione di accoglienza turistica debba essere complementare ad altre attività e servizi di tipo ricreativo, sociale, culturale, per lo sport, per la promozione dei prodotti tipici e la scoperta del territorio, da definire e declinare in funzione del contesto sociale.
 
Il recupero ed il riuso del faro deve per questo essere fortemente innestato su un progetto di valorizzazione culturale, sociale e ambientale, rendendo il faro un luogo da vivere a 360 gradi, garantendo una connessione costante tra struttura e contesto.
 
Per questo nel corso di tutto il mese di settembre l’Agenzia del Demanio ha organizzato le #OpenLighthouseDays con la collaborazione del WWF e del Touring Club Italiano: a partire dal 7 settembre saranno aperti alle visite 7 degli 11 fari inseriti nel progetto, in Sicilia, Campania e Puglia. Tutti coloro che vogliono visitare i fari possono pre-accreditarsi sul sito dell’Agenzia.
 
L’agenzia ha anche reso noti i fari più amati e tra i primi quelli dell’Isola del Giglio, Faro di Capel Rosso (in foto) e Faro di Punta del Fenaio.
 

Progetto fari: l’iniziativa

Ricordiamo che il progetto Valore Paese-FARI è un’iniziativa che permetterà di sottrarre 11 fari italiani al degrado in cui versano ed avviarli a rigenerazione, contribuendo ad attivare le economie locali ovvero partendo da un’idea imprenditoriale innovativa e sostenibile, che sappia conciliare le esigenze di recupero del patrimonio, tutela ambientale e sviluppo economico.

Lo strumento sarà la concessione (affitto) fino a 50 anni degli immobili a operatori che possano sviluppare un progetto turistico dall’elevato potenziale per i territori, in una logica di partenariato pubblico-privato, a beneficio di tutta la collettività.

Conclusa la fase di consultazione (durata 2 mesi), che aveva l’obiettivo di raccogliere idee, verificare l’interesse da parte del territorio e del mercato rispetto agli immobili individuati e definire il miglior percorso di valorizzazione l’Agenzia nelle prossime settimane procederà a redigere i bandi di gara in base alle indicazioni emerse in merito alle procedure di concessione dei fari, ai costi di recupero e gli investimenti attesi, la durata e il canone annuo della concessione.

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui