Carrello 0
AZIENDE

ANPEL per nuove case in Classe A in Toscana

Pareti ad alto isolamento termico con Lecablocco Bioplus

08/10/2015 - Un esteso progetto di nuove unità residenziali in costruzione in Toscana secondo elevati standard qualitativi, tra i quali l'efficienza energetica dell'involucro affidata alle prestazioni del sistema costruttivo BioPlus.

Il complesso residenziale "Borgonovo" sorge nella frazione Santa Lucia del Comune di Pontedera, in Provincia di Pisa. Viste le importanti dimensioni complessive della lottizzazione - circa 50.000 m2 per circa 100 unità abitative - i lavori per la sua realizzazione sono tutt’ora in corso d’opera.

L’esecuzione dei lavori è affidata all'impresa Sagittario s.r.l., società che fa parte del Gruppo Cavallini, una delle più importanti realtà storiche del settore dell’edilizia e del mercato immobiliare della Valdera. La finalità del costruttore, condivisa anche dai progettisti, era ed è quella di realizzare un borgo che grazie alla cura dei dettagli richiamasse la forma del casolare di campagna toscano. Per questo, in fase di progettazione si è affinato lo stile con una continua ricerca dei materiali e delle finiture da adottare. La cura dei particolari ed una spiccata sensibilità del signor Carlo Cavallini, supportato dal figlio Alessandro, hanno portato al risultato finale che si può apprezzare nei rendering di prgoetto e nelle immagini di cantiere. Importante è stato il sostegno di tutti i progettisti, architettonici e strutturali, senza dei quali niente sarebbe stato possibile.

Da un punto di vista distributivo le unità abitative sono dotate tutte di ampio giardino esterno, posti macchina ed ingressi indipendenti. I fabbricati sono tutti caratterizzati dall’utilizzo di coperture in legno massello corredate di un’importante coibentazione termoacustica e dall’utilizzo di manto di copertura anticato dotato di ventilazione sotto tegola; dall’utilizzo di mezzane in cotto per la realizzazione delle gronde e di tutti i davanzali delle finestre e dei terrazzi; infissi in legno ad alta prestazione termoacustica; dall’utilizzo di sistemi impiantistici all’avanguardia come impianto fotovoltaico, solare termico e caldaia a condensazione solo per citarli alcuni.

Per la realizzazione dei primi fabbricati della lottizzazione, fin da subito la scelta fu quella di utilizzare il sistema costruttivo BioPlus, che al tempo aveva un’unica configurazione, oggi denominata BioPlus standard (valori U=0,30 W/m2K – Rw=57 dB). Il sistema BioPlus si compone di una serie di elementi di blocchi cassero in cls alleggerito a base di argilla espansa Leca, che consentono la posa a secco degli elementi. Durante il montaggio viene inserita l’armatura di progetto orizzontale e verticale negli opportuni alloggi. Una volta raggiunta la quota di imposta del solaio viene realizzato il getto di cls.

Da un punto di vista strutturale, l’elemento realizzato viene ricondotto ad una parete debolmente armata basata sull’impiego di blocchi cassero e cls. La progettazione di tali elementi è disciplinata da una linea guida rilasciata dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici oltre che dalle NTC08. Ai sensi della stessa linea guida si è condotta presso i laboratori della fondazione Eucentre e dell’Università di Pavia una campagna di prove sperimentali testando numerose configurazioni e realizzando circa 80 pannelli in scala reale.

Il continuo sviluppo e la ricerca continua di sistemi che migliorino la prestazione energetica e strutturale dell’involucro edilizio hanno portato ad utilizzare all’interno della stessa lottizzazione, per uno dei fabbricati residenziali tutt’oggi in costruzione, il BioPlus A+ (U: 0,22 W/m2K – Rw: 57dB): involucro antisismico ad alta prestazione termoacustica.

Oltre ai vantaggi di natura strutturale e termoacustica che il sistema BioPLus offre, è importante sottolineare altri aspetti importanti per l’esecuzione in cantiere:

- i blocchi vengono posati a secco con incastri verticali e orizzontali senza malta;
- la parte esterna in argilla espansa del blocco Bioplus protegge il materiale isolante
- il doppio alloggio ad U che ospita l’armatura orizzontale, agevola la fase di posizionamento dei ferri di armatura.

L’utente finale oltre ai risparmi nei costi di gestione (riscaldamento invernale e raffrescamento estivo) e al maggiore comfort ambientale (temperature superficiali bilanciate) ha la garanzia di un solido investimento immobiliare dovuto soprattutto dall’impiego di materiali da costruzione destinati a durare nel tempo.


ANPEL - Ass. Naz. Produttori Elementi Leca su Edilportale.com
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati