Carrello 0
Alvaro Siza torna nel Salento per la mostra 'Stone Stories'
EVENTI

Alvaro Siza torna nel Salento per la mostra 'Stone Stories'

di Valentina Ieva

Storie di pietra, di imprenditori, di architetti. Storie di un territorio: la Puglia

19/10/2015 - Dopo le tappe di Milano, Londra e Dubai, il maestro portoghese Alvaro Siza è tornato nel Salento a presentare la sezione permanente dell'Ecomuseo della Pietra e delle Cave di Cursi con la mostra itinerante "Stone Stories"

Sono le storie delle pietre di Puglia (da Apricena a Trani a Minervino Murge, Ostuni, Cisternino, Cursi, Gallipoli), nell'architettura, nel design come nel paesaggio, quelle raccontate nel progetto promosso dall’Assessorato allo Sviluppo Economico e Internazionalizzazione della Regione Puglia, InnovaPuglia, Istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce, e curato dall’architetto Dario Curatolo per “Four in the morning”.

La scelta di una sede espositiva come quella dell'Ecomuseo della Pietra e delle Cave si spiega con il fatto che la location di Cursi ha sempre incarnato il ruolo di spazio di ritiro e riflessione per architetti, imprenditori, artigiani, musicisti, artisti ed economisti. Da qui l'idea di utilizzare la mostra Stone Stories per farne la sezione permanente, negli ambienti del frantoio ipogeo secondo un percorso suggestivo progettato dagli architetti Dario Curatolo e Marta Spadaro.

Il maestro Siza è tornato lo scorso 6 ottobre per inaugurare la mostra, grazie al rapporto instaurato nel 2006 con questa terra, in occasione della grande rassegna nel Castello di Acaya e presso il Museo Provinciale “Sigismondo Castromediano”, seguita, poi, dal progetto di recupero delle cave di Marco Vito e della Casa della Musica a Lecce.

Per l'occasione Siza ha realizzato la scultura 'Rifugio', presso un grande uliveto di Palmariggi, dedicata all'identità culturale salentina. “Rifugio” - in portoghese “abrigo” - sintetizza il suo concetto di casa, di luogo protetto dal caos, dove "praticare l'esercizio critico, resistere all'omologazione, lavorare con le differenze, misurarsi con l'alterità".
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati