Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
NORMATIVA

Calamità naturali, in arrivo mutui agevolati per la ricostruzione di case e capannoni

di Paola Mammarella

Legge di Stabilità 2016: nelle zone dichiarate in stato di emergenza lo Stato garantirà finanziamenti di 25 anni fino a 1,5 miliardi di euro

Vedi Aggiornamento del 12/02/2019
Commenti 9993
28/10/2015 – I privati che si trovano in aree dichiarate in stato di emergenza e che dal 2013 al 2015 hanno subito dei danni a causa delle calamità naturali potranno ottenere un prestito agevolato garantito dallo Stato.
 
Lo prevede il disegno di Legge di Stabilità per il 2016, che ha destinato risorse fino a 1,5 miliardi di euro per i danni al patrimonio privato e alle attività economiche e produttive. 
 

Chi può chiedere i finanziamenti agevolati

Potranno beneficiare di questa misura i proprietari delle case danneggiate e le aziende che hanno subito danni a capannoni e beni strumentali.

Come spiegato dal deputato Pd Roger Demenech, per avere diritto ad accedere ai fondi, le imprese e i privati devono trovarsi in Comuni delle zone dichiarate ufficialmente in stato di emergenza o calamità naturale. 
 
La misura darà una risposta alle ricognizioni effettuate dalla Protezione Civile, che dopo il verificarsi delle calamità naturali ha il compito di quantificare i danni e comunicarli alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.
 

Mutui agevolati, i prossimi step

Il Consiglio dei Ministri stabilirà le percentuali di rimborso e stipulerà una convenzione con l’Associazione bancaria italiana (ABI). Le modalità di fruizione del credito saranno stabilite con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate nel limite di 60 milioni di euro annui a partire dal 2016.
 
In un secondo momento, il Ministero dell’Economia e delle Finanze concederà, con un apposito decreto, la garanzia dello Stato. A questo punto sarà possibile stipulare i mutui, che potranno avere una durata massima di 25 anni.
 
I finanziamenti erogati saranno posti in ammortamento sulla base degli stati di avanzamento lavori relativi agli interventi di ricostruzione.
 
I contratti dovranno contenere delle cause risolutive espresse. Nel caso in cui le risorse concesse siano utilizzate, anche parzialmente, per finalità diverse, scatterà la risoluzione del contratto e la restituzione del finanziamento.
 

Danni alle abitazioni e assicurazione anticalamità

Nel corso degli anni passati, la problematica dei danni alle abitazioni private in caso di disastri naturali ha spinto a più riprese a considerare l’introduzione di una polizza assicurativa obbligatoria anticalamità.
 
L’obiettivo, sempre mancato, era sollevare lo Stato da gran parte degli oneri per la riparazione dei danni. Nonostante si sia cercato di introdurre delle misure ad hoc in varie leggi finanziarie, le norme sono sempre state stralciate dalle versioni finali.
 
Nel 2009 è stato il Consiglio nazionale dei geologi a chiedere l’assicurazione per ridimensionare gli impegni finanziari dello Stato dopo le calamità naturali, sensibilizzare e responsabilizzare i cittadini verso la tutela ambientale e la sicurezza del territorio, disincentivare l’abusivismo edilizio e migliorare la qualità delle prestazioni professionali nella filiera della progettazione.
 
Due anni dopo, la proposta è stata inserita nel Decreto Sviluppo, ma anche in questo caso l’iter si è concluso con un nulla di fatto.
 
L’ultimo tentativo è avvenuto col Governo Monti, ma a causa dell’instabilità politica la norma non ha mai visto la luce.

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa