Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus facciate, pubblicata la Guida aggiornata
NORMATIVA Bonus facciate, pubblicata la Guida aggiornata
NORMATIVA

Edifici abusivi, il sequestro preventivo è possibile anche a lavori ultimati

di Paola Mammarella

Cassazione: bisogna togliere la disponibilità del bene al responsabile perché il suo utilizzo aumenta il rischio di danno all’ambiente

Vedi Aggiornamento del 27/09/2019
Commenti 9041
20/10/2015 – Il sequestro preventivo di un immobile abusivo è possibile anche a lavori ultimati. Il perché lo ha spiegato la Corte di Cassazione con la sentenza 40370/2015.
 
Nel caso preso in esame, il proprietario di un ristorante aveva realizzato un parcheggio accessorio e contiguo. L’intervento era avvenuto in area demaniale, sottoposta a vincolo di inedificabilità assoluta e vincolo di notevole interesse paesaggistico.
 
Per questo le autorità avevano disposto il sequestro preventivo del bene, ma il responsabile si era opposto affermando in primo luogo che i lavori erano già terminati, ma anche che, prima di realizzare il parcheggio, l’area si trovava in una condizione di degrado.
 
I giudici hanno bocciato le motivazioni del responsabile spiegando che il sequestro preventivo è possibile anche quando l’opera è stata ultimata perché i manufatti nel tempo potrebbero aggravare le conseguenze del reato sul paesaggio.
 
Dato che, ha continuato la Cassazione, il rischio di produrre danni aumenta con l’uso della costruzione abusiva, è quindi necessario togliere al responsabile la disponibilità del bene.
 
Per questo motivo  il sequestro preventivo è stato confermato  in modo da consentire al Comune il ripristino dello stato dei luoghi.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui