Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?
NORMATIVA Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?
FOCUS

Il miglior impermeabilizzante? La guida per sceglierlo

di Alessandra Marra

Vantaggi e applicazioni dei sistemi di impermeabilizzazione per terrazzi, balconi e coperture

Vedi Aggiornamento del 23/03/2017
Commenti 325379
05/11/2015 – Con l’arrivo delle piogge autunnali aumentano i problemi di infiltrazioni che, se non adeguatamente risolti, causano danni permanenti alle strutture. Generalmente le infiltrazioni sono dovute a problemi nello strato impermeabilizzante di copertura; per questo occorre scegliere l’impermeabilizzazione migliore, sia nel caso in cui si agisca su strutture esistenti sia nel caso di nuove costruzioni.
 

Come scegliere il miglior impermeabilizzante

L’impermeabilizzante serve a impedire il passaggio dell'acqua negli strati sottostanti e generalmente va posizionato dopo l'isolante termico (che si trova dopo il massetto pendente e l’eventuale barriera antivapore) e prima del rivestimento superiore.
 
Le sollecitazioni dinamiche e fisiche cui sono sottoposte le strutture da impermeabilizzare (come coperture, terrazzi, balconi ecc) implicano che lo strato impermeabilizzante possegga elevate caratteristiche prestazionali, in quanto non solo deve garantire l’impermeabilità, ma deve anche aumentare la durabilità della struttura assecondandola nelle sue deformazioni.
 
Quando si agisce su edifici esistenti, prima di procedere alla scelta dell’impermeabilizzante è necessario verificare lo stato di conservazione dei supporti sui quali si andrà ad intervenire, ovvero valutare le resistenze meccaniche di pavimentazione e massetto, l’esistenza di eventuali avvallamenti o delle corrette pendenze.
 
In base ai risultati delle verifiche si potrà scegliere la tipologia di intervento: impermeabilizzazione in sovrapposizione alla pavimentazione esistente, impermeabilizzazione previa rimozione della pavimentazione esistente o infine demolizione di pavimentazione e massetto con ripristino totale. 

Inoltre, nelle impermeabilizzazioni, più che in ogni altro settore, è importante non trascurare la posa che deve essere meticolosa e deve garantire la continuità anche in punti quali gli attacchi della ringhiera, gli scarichi, le canalette, i raccordi tra verticale ed orizzontale, i giunti e gli altri punti critici.
 
Quando si agisce su edifici esistenti la scelta dell’impermeabilizzante dipende dalle caratteristiche originarie del manufatto o dello strato su cui si va ad agire. Ad esempio molto può dipendere dal tipo di incollaggio: vi sono membrane che possono essere totalmente incollate sullo strato sottostante; in quel caso bisogna agire su massetti stagionati, ovvero che siano immuni da ritiro in quanto in quel caso potrebbero provocare delle lesioni all’impermeabilizzante. Se invece si utilizza l’incollaggio a fiamma bisogna verificare che il materiale sottostante non si rovini dal getto di calore.
 

Metodi di impermeabilizzazione per coperture 

Ecco una panoramica delle diverse tipologie di impermeabilizzazioni per coperture con i vantaggi e le applicazioni di ogni metodo. 
 
Membrane prefabbricate bituminose
Le membrane più utilizzate per l’impermeabilizzazione di terrazzi e coperture sono quelle bituminose ovvero quelle che derivano dalla distillazione del petrolio. Generalmente sono prefabbricate (si trovano in commercio in rotoli), spesso sono provviste di armatura (in velo vetro, rete in vetro tessuto, poliestere non tessuto ecc) e necessitano di protezione superficiale, data in genere dalla pavimentazione, o dalla ghiaia, che viene realizzata al di sopra.
 
Le membrane bituminose hanno in genere una buona resistenza meccanica e un elevato allungamento a rottura (utile soprattutto in caso di ritiro dimensionale del materiale su cui è posto in aderenza). Altra importante caratteristica è l’elevato spessore, non inferiore a 4mm per le membrane applicabili in monostrato, che di solito permette la calpestabilità dello strato.
 
La posa in opera è abbastanza semplice, trattandosi di fogli prefabbricati, e non sono necessari accessori e fissaggi costosi, che fra l’altro nel caso di foratura del manto impermeabile produrrebbero parti a rischio d’entrata d’acqua. La possibilità di incollaggio in totale aderenza, attraverso l’uso di fiamme libere (o in alcuni casi attraverso uno strato adesivo), limita il passaggio dell’acqua in caso di perdite e ne facilita la rintracciabilità.
 
Tali membrane sono durevoli nel tempo e di facile manutenzione, infatti grazie al “sovrapponimento solidale” è possibile rinnovare un vecchio manto incollandovi sopra in totale aderenza una nuova membrana; in questo modo si prolunga la durata della nuova stratigrafia che risulterà ancora più performante della precedente perché più spessa.
 
Vantaggi
Elevate resistenze meccaniche
Posa a secco
Possibilità di posa a freddo
Durata elevata
Adesione elevata
Ottima lavorabilità, anche nei punti particolari
Calpestabilità
 
Aspetti da considerare
Il riscaldamento del materiale durante l’operazione di posa in opera può provocare, in particolare durante la “sfiammatura”, l’emissione di gas e vapori di condensazione che possono risultare pericolosi in caso di inalazione. Inoltre le membrane sono costituite da materiali inerti non biodegradabili e pertanto persistenti durevolmente nell’ambiente.
 
Applicazioni
Tale tipo di impermeabilizzazione è indicata per coperture calpestabili e non, per nuove costruzioni o ristrutturazioni o per tetti verdi, ma anche per le fondazioni. Nel caso di posa con ‘sfiammatura’ considerare se il tipo di strato al di sotto della guaina (isolante ecc) sia in grado di resistere alle alte temperature.
 
Un esempio di membrana prefabbricata bituminosa è MEGAVER di BITUVER ISOVER SAINT-GOBAIN realizzata con speciale compound a base di bitume modificato con polimeri elastomerici di nuova generazione (BPE), con flessibilità a freddo di –25°C e armatura costituita da tessuto-non tessuto di poliestere rinforzato con fibre di vetro.


VEDI TUTTE LE MEMBRANE PREFABBRICATE BITUMINOSE

 
 Membrane prefabbricate polimeriche
Una membrana sintetica polimerica è un manto impermeabile, generalmente prefabbricato, in cui non è presente bitume o lo è in una percentuale minore al 50%. Sono meno diffuse rispetto a quelle bituminose e sono commercializzate in teli arrotolati. Si dividono in base alla loro composizione, ovvero in base al polimero principale di cui sono costituite, come ad esempio in PVC o  polietilene. Possono essere armate o non, con conseguenti differenze nella calpestabilità.
 
Generalmente hanno buona resistenza meccanica e un’ottima elasticità che permette alla membrana di assorbire forti escursioni termiche e di sopportare i piccoli movimenti ed assestamenti che dovessero esserci tra il supporto e il pavimento.
 
La posa è facile ma bisogna fare molta attenzione all’incompatibilità chimica da contatto con alcuni materiali come bitume, asfalti e catrame, solventi, oli o prodotti con idrocarburi, solventi, ecc.  
 
Vantaggi
Buona resistenza meccaniche
Ottima elasticità
Posa a secco
Durata elevata
Adesione elevata
Possibile calpestabilità
 
Aspetti da considerare
Nella fase della posa in opera non può essere adoperata con tutti gli strati esistenti in quanto è incompatibile con alcuni materiali come il bitume o i solventi. E’ poco resistente ai raggi UV. Essendo un telo prefabbricato può risultare problematica la posa in punti critici delle coperture.
 
Applicazioni
E’ indicata per l’impermeabilizzazione di coperture (calpestabili e non ) piane e inclinate, per nuove costruzioni o ristrutturazioni. In base ad alcune varianti possono essere adoperate anche per tetti verdi, per fondazioni e muri contro terra. Generalmente necessita di uno strato protettivo o di un rivestimento.
 
Tra le membrane polimeriche troviamo LIGHTERFLEX HPCP di INDEX un impermeabilizzante elastoplastomerico armato caratterizzato da flessibilità a freddo e posa in opera più veloce e con un ridotto consumo di gas rispetto alle corrispondenti membrane standard.



VEDI TUTTE LE MEMBRANE PREFABBRICATE POLIMERICHE

 
Membrane autoadesive
Le guaine adesive, bituminose e non, si incollano al piano di posa per semplice pressione a temperatura ambiente, senza la necessità di fiamma. Di conseguenza è un sistema a freddo in cui la posa avviene con modalità e precauzioni simili a quelle delle membrane con incollaggio a caldo e per assicurare la tenuta nelle giunzioni laterali e di testa vengono utilizzati appositi apparecchi ad aria calda senza fiamma e attrezzi specifici dedicati al sistema.
 
Vantaggi
Rischio di scivolamento ridotto al minimo
Efficacie nel lungo periodo
Ottima adesione al supporto
Applicazione a freddo e senza fiamma
Facilità di messa in opera
Flessibile, resiste ai movimenti di assestamento e ritiro della struttura
Spessore controllato
 
Aspetti da considerare
Tutte le superfici da impermeabilizzare dovranno essere regolari senza particolari protuberanze o concavità; bisognerà quindi adottare particolari accorgimenti nei punti critici e in corrispondenza di tubature passanti. Lungo le murature in verticale è necessario un fissaggio meccanico della membrana nella parte superiore per mezzo di un listello chiodato onde evitare il parziale scivolamento della membrana.
 
Applicazioni
E’ indicata per l’impermeabilizzazione di terrazzi e coperture calpestabili e non, per nuove costruzioni o ristrutturazioni. Particolarmente indicata dove l’uso di fiamme libere non è permesso, a causa delle caratteristiche strutturali dell’immobile, dell’attività interna o della vicinanza di prodotti altamente infiammabili ad esempio quando il piano di posa è costituito da elementi in legno o da materiale coibente sensibile al calore.
 
Un esempio di membrana autoadesiva è Bituthene 3000 di Grace Construction Products - W.R. Grace Italiana un impermeabilizzante applicabile a freddo, accoppiato ad un film molto resistente in HDPE doppio laminato ed incrociato che può essere utilizzato sia in orizzontale che in verticale per proteggere le strutture da possibili infiltrazioni d’acqua e umidità.
 

VEDI TUTTE LE MEMBRANE AUTOADESIVE


Membrane autoprotette ed ardesiate
Le membrane auto protette sono quelle in cui è possibile che lo strato impermeabile venga lasciato “a vista”, ovvero esposto agli agenti atmosferici. Per resistere alle intemperie e ai raggi UV sono composte da un manto superficiale capace di proteggere la membrana. Lo strato di protezione può essere ardesiato o con lamiere di rame o alluminio. Quelle rivestite in rame o di alluminio sono più costose ma non sono soggette ad usura, problema di cui risentono quelle ardesiate.
 
Vantaggi
Autoprotetta
Riduce l’assorbimento del calore
Applicazione a freddo
Facilità di messa in opera
Spessore controllato
Copertura a vista
 
Aspetti da considerare
Non sempre è calpestabile e può risentire dell’usura del tempo.
 
Applicazioni
E’ indicata per l’impermeabilizzazione di coperture non calpestabili, per nuove costruzioni o ristrutturazioni. Tale impermeabilizzazione è adatta soprattutto a strutture in legno, coperture deck, recupero di coperture storico-artistiche e dove non si voglia mettere un ulteriore rivestimento.
 
Tra queste membrane un esempio è offerto da ADESIVO di Thermak by MATCO particolarmente indicata per coperture inclinate in legno, autoincollante e protetta sulla faccia superiore con scaglie di ardesia che riducono l’assorbimento del calore sulla superficie migliorando la durabilità della membrana.
 

VEDI TUTTE LE MEMBRANE AUTOPROTETTE E ARDESIATE

 
Teli protettivi e traspiranti per sottotetti
I teli traspiranti sono impermeabilizzanti che creano una barriera protettiva contro il passaggio dell’acqua e, grazie alla loro permeabilità, permettono la naturale circolazione dell’aria così da mantenere asciutta la struttura. 
 
Generalmente il telo è in tessuto non tessuto di poliestere con strato impermeabile altamente traspirante per posa su superfici rigide. Il fissaggio può avvenire con chiodi a testa piana larga o graffette per spara punti. Può essere posato su un supporto in legno o direttamente sull'isolamento termico stabile anche in tetti a bassa pendenza.

Vantaggi 
Traspirante
Impermeabile all’acqua ma permeabile al vapore
Buona resistenza meccanica
Resistenza allo strappo
Versatile e facile da utilizzare
 
Aspetti da considerare
Non è adatto a tutte le superfici e generalmente non è calpestabile. Bisogna fare particolare attenzione nei punti di fissaggio meccanico.
 
Applicazioni
E’ particolarmente indicata per l’impermeabilizzazione di sottotetti, strutture a falda inclinata, tetti ventilati o tetti in legno.
 
Un esempio di telo traspirante è DELTA - FOL PVG di DÖRKEN ITALIA caratterizzato da un’elevata resistenza allo strappo grazie all'elevata grammatura e con banda autoadesiva integrata per l'incollaggio delle sovrapposizioni che consente una posa rapida e resistente al vento.


VEDI TUTTI I TELI PROTETTIVI E TRASPIRANTI PER SOTTOTETTI

 
Impermeabilizzazioni liquide
A differenza delle membrane prefabbricate le impermeabilizzazioni liquide permettono una maggiore versatilità in quanto l’applicazione è più comoda ed è possibile agire su tutta la superficie, senza la possibilità di lasciare punti scoperti. Sono altamente resistenti ai ristagni d’acqua, ai raggi UV, alle intemperie ed ai cicli di gelo e disgelo.
 
Nel caso in cui la pavimentazione esistente risulti integra e ben ancorata al substrato, si potrà impermeabilizzare i balconi e le terrazze, anche se già piastrellati, senza la rimozione della vecchia pavimentazione, realizzando un pacchetto impermeabilizzante-adesivo-piastrella generalmente non superiore a 15 mm. Tale guaina può essere applicata con rullo o pennello e si caratterizza per la totale assenza di giunture, saldature e sormontazioni.
 
Vantaggi
Facilità e rapidità di applicazione
Ottima versatilità
Spessori contenuti  
Economicamente vantaggioso
Stabile ai raggi UV e resistente all’ingiallimento
Resistente agli agenti atmosferici da -30°C a +80°C
Facilmente pulibile
Resiste a sostanze alcaline ed agenti chimici
Calpestabile
 
Aspetti da considerare
Nella fase della posa in opera si devono considerare quali substrati siano idonei (es. pietre naturali, ceramiche, vetro, vetrocemento, policarbonato ecc).
 
Applicazioni
Per l’impermeabilizzazione e la protezione di balconi, terrazze, lucernari e coperture in generale. Particolarmente indicata per interventi di ristrutturazione in cui non si voglia rimuovere la pavimentazione esistente, con innegabili vantaggi sui tempi di esecuzione e di smaltimento in discarica del materiale di risulta, quindi con notevole economicità.  E’ utilizzata anche per l’impermeabilizzazione di interni, in particolare per bagni e docce.
 
Tra i prodotti impermeabilizzanti liquidI c’è Mapelastic AQUADEFENSE di Mapei  una membrana liquida elastica monocomponente ad asciugamento rapido per balconi, terrazze, bagni, docce, saune e ambienti umidi in genere, da applicare sotto ceramica, marmo e mosaico, in interni ed esterni.  Grazie alla sua asciugatura estremamente veloce, assicura un fuori pioggia dopo sole 3 ore, con posa delle piastrelle dopo 4 ore e con il riutilizzo dell’ambiente dopo 1 solo giorno. 
 

VEDI TUTTE LE IMPERMEABILIZZAZIONI LIQUIDE

 
Prodotti impermeabilizzanti a base cementizia
Sono una particolare tipologia di impermeabilizzanti protettivi formulati sottoforma di malta con composti elastomerici che permettono al preparato di deformarsi insieme al manufatto senza distaccarsi. Tali impermeabilizzanti cementizi vengono utilizzati per le superfici in calcestruzzo, per la rasatura elastica impermeabile di intonaci micro fessurati, per superfici in calcestruzzo soggette a deformazione sotto carico e per impermeabilizzare interni ed esterni prima della posa in opera di piastrelle in ceramica o simili. 
 
Vantaggi 
Maturazione rapida
Efficace maturazione su sottofondi stagionati anche parzialmente umidi;
Idoneo al contatto con acque potabili;
Perfetta aderenza a diversi tipi di supporto
Basso impatto ambientale
Calpestabile

Aspetti da considerare
Sistema ad umido che necessita dei dovuti tempi di maturazione.
 
Applicazioni
Particolarmente indicato per impermeabilizzare balconi e terrazze, cornici, grondaie in cemento, fioriere e pozzetti, ma anche fondi e manufatti esposti al contatto con l’acqua e le strutture destinate al contenimento di acque potabili.
 
Un esempio è offerto da Acriflex Fybro di DIASEN un impermeabilizzante liquido bicomponente a base acqua che non richiede la tradizionale rete di armatura in fibra di vetro. La componente resinosa e quella cementizia permettono di ottenere un impasto altamente elastico che asseconda senza fessurazioni i movimenti dei supporti.
 

VEDI TUTTI GLI IMPERMEABILIZZANTI A BASE CEMENTIZIA

 
Sistemi impermeabilizzanti accoppiati a termoisolanti
Esistono dei sistemi impermeabilizzanti che fungono anche da isolamento termico grazie all’ottima tenuta all’aria e all’acqua. Di solito sono pannelli isolanti piani e preincisi accoppiati a membrane bitume polimero elastoplastomeriche.
 
Vantaggi 
Elevate prestazioni di isolamento termico
Perfetta aderenza
Prodotto su misura
Assenza di sfridi
Rapidità di posa

Applicazioni
Tali sistemi sono ideali per l’isolamento dei tetti, dei sottotetti, delle pareti verticali e dei pavimenti non calpestabili.

Un esempio è TREVEN di ELLE ESSE, un rotolo accoppiato ideale per la coibentazione e l’impermeabilizzazione in copertura con elevate capacità di isolamento termico grazie alla grafite, minerale costituito da carbonio che abbatte drasticamente la conducibilità termica.
 

VEDI TUTTI I SISTEMI ACCOPPIATI E TERMOISOLANTI
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Aly

Hello there, My name is Aly and I would like to know if you would have any interest to promote your website here at edilportale.com on our blog alychidesigns.com ? I am looking for people/businesses that would like to contribute promotional or helpful articles to our blog. If you are willing to post on our site, we would post an promotional link within the article as well as an (optional) author link. If you may be interested please let me know. Thanks, Aly

thumb profile
yygyuh

guain BITUME

thumb profile
ANTONIO

UNA GUAINA LIQUIDA PER ESTERNI RESISTENTE, IMPERMEABILE E MOLTO ELASTICA DA APPLICARE SU TUFO E VECCHIA GUAINA?? GRAZIE

thumb profile
Eduardo

Sul legno uso Everwood

thumb profile
Stefano

Sul legno non puoi utilizzare il Vetrofluid...

thumb profile
Eduardo

Mi dispiace che si parli ancora di guaine per impermeabilizzare le superfici ,io da tempo uso e consiglio il Vetrofluid un prodotto della Ecobeton,penetra nel cls e lo impermeabilizza fino a 4 cm ! Un prodotto economico con costi di posa in opera insignificanti! Provatelo !


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa