Carrello 0
NORMATIVA

Bonus mobili giovani coppie, Federlegno: ‘scelta lungimirante raddoppiare il tetto’

di Rossella Calabrese

Snaidero: ‘l’agevolazione consentirà di acquistare prodotti di qualità realizzati in Italia’

Vedi Aggiornamento del 15/04/2016
13/11/2015 - “Ho accolto con grande soddisfazione l’approvazione da parte della commissione Bilancio del Senato del raddoppio del tetto del bonus mobili per le giovani coppie che acquistano casa”.
 
Così il presidente di FederlegnoArredo, Roberto Snaidero, ha commentato il via libera all’emendamento alla Legge di Stabilità 2016 che porta da 8mila a 16mila euro il tetto di spesa del bonus mobili per le giovani coppie.
 
“La scelta della commissione va nella direzione di creare condizioni agevolate per i tanti giovani che hanno intenzione di creare un nucleo famigliare, dando loro la possibilità di acquistare prodotti di qualità realizzati in Italia. E non è un caso che su questo emendamento ci sia stata una larghissima convergenza politica”.
 
Secondo FederlegnoArredo, l’approvazione dell’emendamento conferma la sensibilità dell’attuale Governo per un settore strategico per l’Italia quale il Legno Arredo, sensibilità che sta portando a risultati importanti sia sul mercato interno - come il Bonus Mobili e il Bonus per le giovani coppie - sia sui mercati internazionali.
 
“Proprio in questi giorni - ha sottolinea Snaidero - stiamo presentando la prossima edizione del Salone del Mobile di Milano alla stampa europea, in particolare in Germania, Gran Bretagna e Francia. E stiamo riscontrando una grande aspettativa. Ma questo lavoro di promozione non sarebbe possibile senza il grande sostegno che il Ministero dello Sviluppo Economico e Agenzia ICE ci stanno offrendo. È un segnale inequivocabile del fatto che il nostro paese stia facendo passi importanti per una nuova politica industriale”. 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati