Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sismabonus 110%, come funziona la detrazione 90% dell’assicurazione
RISTRUTTURAZIONE Sismabonus 110%, come funziona la detrazione 90% dell’assicurazione
NORMATIVA

Piano Casa Puglia: dal Consiglio regionale via libera alla proroga di un anno

di Alessandra Marra

La norma semplifica le procedure per piccoli ampliamenti e ristrutturazioni fino al 31 dicembre 2016

Vedi Aggiornamento del 23/11/2015
Commenti 11384
11/11/2015 – Il Consiglio regionale della Puglia ha approvato all'unanimità la proroga del Piano Casa fino al 31 dicembre 2016.
 

Piano Casa Puglia: la proroga

Le imprese edili del territorio e i proprietari avranno quindi ancora un anno di tempo per poter usufruire dei bonus volumetrici previsti dal Piano Casa pugliese.
 
Il presidente della Commissione Urbanistica, Filippo Caracciolo, ha spiegato che la proroga “potrebbe offrire la possibilità, ai proprietari di immobili, di attuare piccoli ampliamenti e ristrutturazioni del proprio patrimonio edilizio, senza intaccare ambiente  e paesaggio e senza consumo di suolo”.
 

Piano Casa pugliese: alcune modifiche

Oltre alla proroga di un anno ci sono state alcune modifiche rispetto a quanto deciso dalla commissione urbanistica; il Consiglio regionale infatti ha approvato due nuovi emendamenti proposti dal consigliere Fabiano Amati: uno che specifica la propensione del Piano Casa pugliese nel favorire aumenti di volumetria nel settore residenziale, rispetto a tutte le altre destinazioni (opifici, servizi ecc..) e l’altro che sottolinea come nei procedimenti regolati dal Piano territoriale regionale (PTTR) e nei procedimenti connessi di natura urbanistica e ambientale, il parere del soprintendente si intende obbligatorio e non vincolante
 
Commentando questa modifica Fabiano Amati ha dichiarato: “La necessità di tale norma interpretativa risiede nell'evitare eventuali lungaggini nei procedimenti di autorizzazione di opere, ed in particolare di quelle pubbliche”.
 
Infine non è stato approvato dal Consiglio l’emendamento che avrebbe riconosciuto anche a quei Comuni che all'epoca non riuscirono a perimetrare e a rientrare nei benefici di legge, di poterlo fare ora aprendo i termini. 
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui