Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Incarico sospeso? Al progettista spetta un compenso maggiorato
PROFESSIONE Incarico sospeso? Al progettista spetta un compenso maggiorato
NORMATIVA

Terre da scavo, pronto il nuovo decreto per il riutilizzo

di Paola Mammarella

Chiarimenti sui residui delle lavorazioni dei materiali lapidei, il decreto non disciplina il riutilizzo dei resti derivanti dalla demolizione degli edifici

Vedi Aggiornamento del 18/07/2016
Commenti 16550
06/11/2015 – Stanno per cambiare le modalità di riutilizzo delle terre e rocce da scavo.
 
Il Consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare la bozza di regolamento che riscrive la disciplina dei materiali estratti durante le attività di scavo secondo quanto previsto dal Decreto Sblocca Italia (DL 133/2014).
 
Il testo riunisce in un’unica norma la disciplina sulla gestione delle terre e rocce da scavo come sottoprodotti, cioè quelle che dopo essere state estratte possono essere riutilizzate in un altro processo produttivo.
 
Superando alcune carenze segnalate dagli operatori del settore in merito al DM 161/2012, che al momento costituisce il riferimento per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo, il regolamento introduce procedure e riferimenti normativi semplificati. Molto spesso, infatti, le modalità di utilizzo dei materiali estratti hanno causato contenziosi e incertezze.
 
In generale il testo introduce procedure più spedite, simili alla segnalazione certificata di inizio attività (Scia), per capire se le terre e rocce da scavo estratte dai cantieri sono sottoprodotti e quindi possono essere riutilizzati. Per la riutilizzazione non sarà più richiesta l’approvazione espressa del piano di utilizzo, ma decorsi 90 giorni dal deposito del piano presso l'Autorità competente si formerà il silenzio assenso. Allo stesso tempo, grazie al ricorso alle autocertificazioni, diventerà più facile apportare modifiche e prorogare il piano di utilizzo.
 
Il regolamento prevede l’esclusione dalla nozione di terre e rocce da scavo dei residui delle lavorazioni dei materiali lapidei. Questo, si legge nella relazione illustrativa, consentirà loro di rientrare nella disciplina generale dei sottoprodotti. Al momento, infatti, per le loro caratteristiche questi prodotti non rientrano appieno in nessuna disciplina e creano difficoltà per la loro gestione e riutilizzo.
 
Sarà escluso dalle norme sulle terre e rocce da scavo il riutilizzo dei materiali derivanti dalle attività di demolizione degli edifici o di altri manufatti preesistenti. Il testo spiega che questi materiali devono essere regolati dalla Parte IV (Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati) del Codice Ambiente (D.lgs. 152/2006). Almeno fino a nuovo ordine, questi materiali non potranno quindi essere riutilizzati.
Si tratta di un argomento che ha creato dubbi e contenziosi, al termine dei quali anche i giudici sono arrivati a conclusioni analoghe, spiegando che si possono riutilizzare solo i materiali derivanti da un processo produttivo, cioè da un’attività finalizzata alla produzione di un manufatto, non da una che ha come obiettivo la sua distruzione. D’altra parte anche il Codice Ambientale qualifica come sottoprodotti i materiali derivanti da un processo produttivo e prevede che un oggetto cessi di essere considerato “rifiuto” quando esiste una domanda di mercato specifica. Fino a che non si creerà uno specifico mercato per il riciclo dei materiali derivanti dalla demolizione, questi non potranno quindi essere riutilizzati. È proprio su questo punto che intervengono i suggerimenti di Legambiente. Per ridurre l’impatto sull’ambiente, l’associazione punta infatti sul riciclo dei materiali provenienti dal settore delle costruzioni.
 
Il decreto elimina l’obbligo di comunicazione preventiva all’Autorità competente di ogni trasporto di terre e rocce da scavo qualificate come sottoprodotti e generate nei cantieri di grandi dimensioni. 
 
Dopo l’approvazione, il decreto sarà sottoposto per 30 giorni ad una consultazione pubblica. I contributi degli interessati saranno pubblicati sul sito del Ministero dell’Ambiente.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui