Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Testo Unico Edilizia, ecco il testo aggiornato
NORMATIVA Testo Unico Edilizia, ecco il testo aggiornato
PROFESSIONE

Friuli VG, contributi ai professionisti per l’avvio dell'attività

di Alessandra Marra

Tra le spese ammissibili: la ristrutturazione dello studio, l’acquisto di software e i costi per l’aggiornamento professionale

Vedi Aggiornamento del 25/11/2015
Commenti 8481
16/11/2015 – Il Friuli Venezia Giulia mette a disposizione contributi a fondo perduto per le spese sostenute dai professionisti per l'avvio e il funzionamento della propria attività professionale in forma individuale.
 

Contributi ai professionisti: i requisiti

I contributi regionali sono rivolti a tutti i professionisti, sia quelli ordinistici, regolarmente iscritti a ordini o collegi professionali, sia a quelli non ordinistici, aderenti ad associazioni inserite nell'apposito registro regionale o nell’elenco delle associazioni professionali che rilasciano l’attestato di qualità dei servizi, pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico.
 
Inoltre per accedere al contributo è necessario aver iniziato l’attività professionale da non più di tre anni, decorrenti dalla data di apertura di partita IVA in forma individuale.
 
Tra gli altri requisiti: avere la residenza e la sede legale, o operativa, in Friuli Venezia Giulia e svolgere esclusivamente un’attività libera e professionale.
 
Gli interessati infatti non devono far parte di studi associati o di società di professionisti e non devono essere: lavoratori dipendenti (neanche a tempo determinato o part-time), titolari di pensione di vecchiaia o di anzianità, collaboratori di impresa familiare, artigiani, commercianti, coltivatori diretti, titolari di impresa individuale o amministratori di società di persone o di capitali.
 
Chi ha aperto la partita IVA da più di tre anni, può beneficiare dei contributi se ha esercitato un’attività professionale presso altri studi e il suo volume d’affari risulti essere inferiore a 20 mila euro oppure se ha variato presso la competente Agenzia delle Entrate il codice attività (ATECO) per l’esercizio dell’attività professionale per la quale viene chiesto il contributo.
 
L’ammontare del contributo è pari al 50% delle spese ammesse. Il contributo minimo è pari a 1.500 euro e contributo massimo è pari a 20.000 euro.
 
L’importo del contributo complessivamente concesso al medesimo beneficiario nell’arco del triennio non può superare il limite massimo di euro 20 mila euro.
 

Contributi per l’avvio di attività professionali: le spese ammissibili

Possono usufruire del contributo esclusivamente le domande che prevedono un piano di spesa ammissibile non inferiore a 3 mila euro.
 
Sono ammesse a contributo le spese strettamente connesse all’avvio e al funzionamento dei primi tre anni di attività professionale, sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda ed entro la scadenza del triennio.
 
Tra le spese ammissibili vi sono:
- le attrezzature tecnologiche finalizzate all’impianto e allo svolgimento dell’attività, comprese le relative spese per l’installazione;
- arredi;
- beni strumentali, macchine d’ufficio, attrezzature, anche informatiche;
- software;
- realizzazione o revisione di un sito internet;
- spese per l’attivazione di un indirizzo di posta elettronica certificata e suo mantenimento;
- sistemi di sicurezza per contrastare atti criminosi (impianti di allarme, blindature, porte e  rafforzamento serrature, telecamere antirapina e sistemi antifurto, casseforti);
- costi di iscrizione per partecipazione a fiere, manifestazioni, eventi e congressi in ambito;
 - abbonamenti a pubblicazioni specializzate e a banche dati;
- adeguamento o ristrutturazione dei locali adibiti o da adibire all’esercizio dell’attività professionale, se diversi dall’abitazione principale.
 
 Sono ammissibili le spese al lordo dell’IVA, qualora l’imposta sia indetraibile e rappresenti un costo riconoscibile.
 
Il beneficiario, ottenuto il contributo, è tenuto a mantenere, nei tre anni successivi alla data di conclusione dell’iniziativa: la partita IVA dichiarata per l’ottenimento del contributo; la sede legale o operativa nel territorio regionale e la destinazione dei beni mobili per la durata di tre anni dalla data di conclusione dell’iniziativa.
 
In caso di contributi ottenuti per le spese di ristrutturazione o adeguamento dei locali adibiti all’esercizio dell’attività professionale il vincolo di destinazione deve essere osservato per i locali indicati nella domanda, oggetto di adeguamento o ristrutturazione
 
La domanda di contributo deve essere presentata prima dell’avvio del piano di spesa, secondo le modalità e la modulistica presente sul sito della Regione.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Leggi i risultati