Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Condominio, cosa far asseverare dal tecnico per ottenere l’ecobonus?
RISPARMIO ENERGETICO Condominio, cosa far asseverare dal tecnico per ottenere l’ecobonus?
AZIENDE

Tegole paraneve Wierer, il lato bello della neve

Grazie a un funzionale ‘nasello’ paraneve sviluppato da Wierer, l’efficienza e la sicurezza della copertura sono assicurate anche ad alta quota

Commenti 2471

16/12/2015 - Neve e ghiaccio possono provocare rilevanti deterioramenti alle coperture degli edifici e delle abitazioni e, soprattutto nelle aree più esposte, possono essere causa di improvvisi scivolamenti pericolosi non solo per persone, animali o cose (come gli autoveicoli), ma anche per il tetto stesso.

Per questo è opportuno prevedere l’installazione di elementi in grado di trattenere la coltre nevosa preservando, allo stesso tempo, l’estetica del tetto.

Le tegole paraneve realizzate da Wierer, grazie all’applicazione di uno speciale nasello posizionato in corrispondenza della sommità dell’onda, contribuiscono a rendere sicura e stabile la massa nevosa che si deposita sulla copertura e a proteggere il tetto da possibili lesioni o danni.

I modelli di tegola Wierer che prevedono il particolare supporto, come Coppo di Grecia, Coppo di Francia, Doppia Romana, Tegal Innotech, Coppo Titan e Coppo del Borgo, punta di diamante della gamma, hanno un loro specifico elemento paraneve che va a integrarsi perfettamente senza alterare il loro aspetto estetico e, di conseguenza, quello dell’intera copertura.

Le tegole con nasello paraneve Wierer assicurano: facilità di posa, elevata resistenza ai carichi nevosi e ai carichi di taglio, impermeabilità alle infiltrazioni e godono della Garanzia di 30 anni sull’impermeabilità all’acqua, sulla resistenza a gelo e disgelo e sulla resistenza al carico di rottura a flessione. Coppo del Borgo gode invece dell’eccezionale Garanzia di 50 anni.

Affinché la funzione delle tegole paraneve risulti sempre ottimale, esse devono essere disposte secondo precisi schemi di posa, previsti dalla normativa vigente e il loro fabbisogno per copertura deve essere definito a seconda della zona, sia essa alpina o mediterranea.

MONIER su Edilportale.com


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui