Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sismabonus 110%, ISI: ‘senza premialità si scoraggiano i lavori più efficaci’
NORMATIVA Sismabonus 110%, ISI: ‘senza premialità si scoraggiano i lavori più efficaci’
EVENTI

Una dolce vita? Dal Liberty al design italiano. 1900-1940

di Valentina Ieva

Una mostra sullo 'stile italiano' destinato a influenzare la nascita del design moderno

Carlo Bugatti, Sedia, 1902
Fortunato Depero, Pupazzo Campari, 1925 ca. | (c) FUTUR-ISM associazione culturale
Marcello Piacentini, Mobile e due sedie per Fiammetta Sarfatti, 1933
Gio Ponti, Mano, 1935
Gio Ponti, Lampada 'Bilia', Edizione attuale del modello ideato nel 1931, FontanaArte
14/12/2015 - Poteva esistere già una ”dolce vita”, prima che Federico Fellini rendesse celebre questo termine negli anni Sessanta? L'eredità ricevuta dai mobili eccentrici di Carlo Bugatti, dalle invenzioni dei Futuristi, o dalle sedie rosse di Marcello Piacentini, ci tramandano una creatività gioiosa e una capacità inventiva senza limiti tutta italiana.

Da questo interrogativo nasce la mostra Una dolce vita? Dal Liberty al design italiano. 1900-1940, a cura Guy Cogeval e Beatrice Avanzi, con Irene de Guttry e Maria Paola Maino, allestita negli spazi del Palazzo delle Esposizioni di Roma.

Agli inizi del XX secolo, in Italia, ebanisti, ceramisti, maestri vetrai lavorano spesso in collaborazione con i più importanti artisti, creando un vero proprio “stile italiano”, destinato a influenzare la nascita del design moderno. Per esplorare un simile contesto, la mostra propone  un percorso cronologico composto da oltre cento opere e basato su un dialogo continuo tra arti decorative e arti plastiche.

Su quanto riguarda la produzione architettonica e l'arredo, la mostra racconta lo stile monumentale di Giovanni Muzio e Piero Portaluppi coincide con il ritorno al classicismo celebrato dal movimento Novecento, movimento sostenuto da Margherita Sarfatti e mezzo di espressione ufficiale del regime fascista. Negli stessi anni, il regime seppe tuttavia aprirsi agli esperimenti modernisti di artisti quali Giuseppe Terragni e Mario Radice, autori della famosa Casa del Fascio di Como, a cui si avvicinano le opere astratte di Fontana, Melotti o ancora Licini. 

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Edilizia, Superbonus 110%, Semplificazioni. Quali sono le misure più urgenti? Leggi i risultati