Carrello 0
FOCUS

Building Automation: cos’è e dove si usa

di Alessandra Marra
Commenti 32078

I vantaggi dei ‘sistemi intelligenti’ per gestire strutture alberghiere, uffici, ospedali ed edifici pubblici

Vedi Aggiornamento del 24/11/2016
Commenti 32078
11/12/2015 – Gestire, in modo autonomo e automatico, gli impianti tecnologici di un intero edificio, controllando che tutte le funzioni siano regolarmente svolte e integrandole in caso contrario. 
 
Questo è ciò che permette di fare la Building Automation, ovvero la “scienza” che si occupa dell’automazione delle funzioni di un edificio, generalmente ad uso diverso dal residenziale, come ad esempio un albergo, un edificio commerciale o pubblico.
 

Building Automation: l’importanza degli edifici intelligenti

Nel focus dedicato alla Domotica si è messa in evidenza l’importanza di automatizzare le funzioni di tutti gli impianti presenti in una casa, ottimizzandone le prestazioni per aumentare i livelli di vivibilità, di comfort e di sicurezza all’interno degli ambienti.
 
Questo vale ancora di più negli edifici non residenziali, come alberghi, uffici, scuole, università, edifici polifunzionali, in cui la possibilità di automatizzare alcune ‘procedure ripetitive’ è fondamentale per migliorare le prestazioni complessive della struttura, in cui i dati in entrata e in uscita sono maggiori rispetto ad un appartamento.
 
Il vantaggio principale di gestire in maniera integrata ed automatizzata gli impianti consiste nel disporre di una infrastruttura di supervisione e controllo capace di massimizzare il risparmio energetico, il comfort e la sicurezza degli occupanti, garantendo inoltre l’integrazione con il sistema elettrico di cui l’edificio fa parte.
 
Tra le procedure maggiormente automatizzate in edifici non residenziali la gestione intelligente dell’illuminazione, la termoregolazione, il controllo degli accessi, la rilevazione d’incendi ecc. In questo modo è possibile sapere quando un'area è occupata e quante persone sono in una stanza, permettendo di regolare l’aria condizionata, oppure è possibile sapere quando illuminare l’ambiente, attraverso sensori di movimento, oppure impostare lo spegnimento dell'aria condizionata quando una finestra si apre e il viceversa quando la finestra è chiusa.
 

Building Automation: la normativa

La Building Automation è fondamentale per il conseguimento di risultati significativi nell’ambito dell’efficienza energetica e per questa ragione alcune norme prescrivono i requisiti e gli obblighi dei nuovi edifici.
 
Per gli edifici non residenziali gli obblighi normativi sono dettati dal D.M. 26 Giugno 2015 che prescrive i requisiti minimi sulla classe di automazione edifici, e dal DL 63/2013 sugli edifici ad energia quasi zero – nZEB. Tra le norme tecniche di riferimento ci sono le Guide CEI 306-2, 64-100/1, 64-100/2 e 64-100/3 e la norma UNI EN 15232.
 
La norma UNI (Prestazione energetica degli edifici – Incidenza dell'automazione, della regolazione e della gestione tecnica degli edifici) non si focalizza direttamente sul tema Intelligent Building, ma riguarda l’infrastruttura di controllo e supervisione che può rendere intelligente un edificio, stimando l’impatto che tali sistemi hanno sulle prestazioni energetiche degli edifici.  
 
La UNI EN 15232 definisce quattro classi di sistemi di building automation in base alle funzioni di automazione implementate:
Classe D: un sistema in cui non c'è alcuna funzione di automazione;
Classe C : un sistema che implementa un numero minimo di sotto-funzioni di automazione per ciascuna funzione di building automation;
Classe B: un sistema che aggiunge alle funzioni della Classe C una gestione centralizzata dei singoli impianti presenti all’interno dell’edificio;
Classe A: un sistema che consente una gestione simile alla Classe B permettendo però di garantire elevate prestazioni energetiche.
 

Secondo la norma la Classe C deve essere lo standard di riferimento nella regolamentazione nazionale; in questo modo diventa possibile quantificare e confrontare i risparmi economici teorici connessi con ogni classe e scegliere la classe del futuro sistema di controllo. Tutto ciò è in linea con la spinta che Europa vuole dare all’efficienza energetica e ai sistemi di Home & Building Automation ; infatti nell’articolo 8 della Direttiva 2010/31/CE si legge: “Gli Stati membri promuovono l’introduzione di sistemi di misurazione intelligenti quando un edificio è in fase di costruzione o è oggetto di una ristrutturazione importante (…) Gli Stati membri possono inoltre promuovere, se del caso, l’installazione di sistemi di controllo attivo come i sistemi di automazione, controllo e monitoraggio finalizzati al risparmio energetico.”
 

Edifici intelligenti: le soluzioni impiantistiche  

Come delineato nel focus sulla domotica per rendere ‘intelligente’ un intero edificio, è necessario predisporre gli impianti in tal senso. Generalmente tali impianti innovativi, in cui i dispositivi sono in grado sia di elaborare informazioni che di comunicare tra loro, si basano su tre tecnologie: BUS, onde convogliate e trasmissione dati wireless.
 
Sistemi a tecnologia bus
La tecnologia a BUS prevede il collegamento fisico tra i vari dispositivi attraverso un doppino intrecciato che trasferisce sia i segnali che l’alimentazione ai dispositivi, consentendo agli attuatori ed ai sensori di comunicare.
 

Tra i maggiori vantaggi di questa soluzione: sicurezza dei dati trasmessi, immunità dai disturbi, velocità di trasmissione, ottima soluzione per nuove realizzazioni.
 
Gli aspetti da considerare: tale soluzione comporta l’effettuare dei lavori di muratura, in alcuni casi di ristrutturazione possono esserci difficoltà di installazione (in strutture vincolate).
 
Sistema ad onde convogliate
La tecnologia ad onde convogliate sfruttata la linea elettrica esistente; i componenti del sistema infatti sono collegati in parallelo e comunicano tra loro attraverso la rete elettrica grazie ad opportuni dispositivi.  



Tra i maggiori vantaggi di questa soluzione: nessun cavo aggiuntivo da inserire, costi ridotti, buona applicabilità in caso di ristrutturazione, bassa invasività.
 
Gli aspetti da considerare: minore sicurezza dei dati trasmessi a causa dei disturbi su linee elettriche (se non risolti da appositi strumenti) e velocità di trasmissione basse su tecnologie già attive.
 
Sistema ad onde radio o wireless
Per eliminare a monte il problema del cablaggio, in situazioni in cui può essere problematico l’intervento murario, si può optare per metodi di trasmissione wireless basati su onde radio. In questo modo si può coprire facilmente l'intera casa senza bisogno di ripetitori.
 

Tra i maggiori vantaggi: buona sicurezza dei dati trasmessi, velocità di trasmissione elevate con tecnologie consolidate, buoni costi di installazione, applicabilità facile in caso di ristrutturazione, bassa invasività.
 
Gli aspetti da considerare: costi bassi ma superiori rispetto alle soluzioni cablate, necessità di manutenzione (batterie) per dispositivi non raggiunti dal circuito di potenza.
 
In ogni caso bisogna valutare se scegliere impianti con Protocolli Proprietari (in cui bisogna utilizzare solo i componenti di un determinato costruttore) o con Protocolli Standard o Aperti (KNX, X10, ZigBee ecc) che permettono di usare prodotti di diverse aziende che adottano lo stesso protocollo.
 

Sistemi di building automation

I sistemi di building automation hanno diversi campi d’applicazione, oltre che nel settore residenziale; ad esempio possono essere utilizzati per uffici, scuole, banche, cantieri, alberghi, agriturismi, palestre, porti, pubbliche amministrazioni, ospedali e per molto altro.
 
A seconda del campo di applicazioni esistono delle soluzioni tecnologiche per:
il controllo degli accessi;
il controllo e la gestione dell’illuminazione;
il controllo e gestione del condizionamento dell’aria;
la raccolta ed export dati. 
 
In un'azienda, per esempio, per assicurare sicurezza e la protezione si può optare per prodotti che permettono di monitorare gli accessi alle diverse aree, identificare il personale ed i mezzi in transito e gestire la loro presenza all'interno di ogni struttura consentendo di ridurre drasticamente i rischi di collisione uomo/macchina.
 
In un edificio per uffici invece sarà importante predisporre lo spegnimento degli impianti nel fine settimana, o la gestione dell’illuminazione e del condizionamento degli ambienti a seconda delle condizioni climatiche esterne o del numero di persone presenti nell’ambiente interno.

La building automation assume particolare importanza anche negli alberghi in cui è necessario un controllo completo di ogni punto della struttura, il raggiungimento di elevati standard qualitativi dei servizi, garantire la totale sicurezza in tutte le aree della struttura e risparmiare sui consumi. In questo modo il sistema sarà in grado di monitorare la situazione 24 ore su 24, valutando ogni o anomalia di funzionamento.
 
Un sistema intelligente di gestione delle funzioni può essere vitale in ambienti in cui ci sono in gioco delle vite come le strutture sanitarie. Grazie alla building automation è possibile una migliore gestione delle chiamate dei degenti e delle comunicazioni interne tra medici ed infermieri, riducendo i tempi di risposta. Con sistemi intelligenti è possibile anche gestire le code che normalmente si effettuano per le visite mediche (interne ed esterne) i prelievi o le analisi negli ambulatori, oltre che gestire tutte le funzioni base come il controllo degli accessi, dei parametri ambientali (climatizzazione ecc), dei controlli antincendio ecc.
 
Tra i sistemi completi per la gestione intelligente degli edifici c’è WELL-CONTACT PLUS di  VIMAR un sistema unico basato su tecnologia KNX che gestisce, anche via computer, luci, temperatura, sicurezza, energia e accessi offrendo funzionalità e comfort in ogni singolo ambiente, ideale per le strutture alberghiere.


Un’altra valida soluzione è HOTEL ROOM MANAGEMENT di BTICINO un sistema per la gestione e la supervisione delle strutture alberghiere e ricettive che consente il controllo completo delle stanze: dal controllo degli accessi, alla gestione di luci, prese e climatizzazione. Il sistema è sviluppato in tecnologia SCS-BUS e permette di avere la massima efficienza e flessibilità installativa in tutto l'hotel.


Sempre per la gestione intelligente delle strutture alberghiere HOTEL SUPERVISOR di MICRODEVICE un unico sistema centralizzato per la supervisione ed il controllo in tempo reale degli impianti e dell'intera struttura alberghiera. Il sistema permette di gestire in modo efficace il risparmio energetico, la sicurezza ed il controllo degli allarmi, il controllo degli accessi.
 

Per il controllo degli accessi una soluzione è offerta da ClicAccess di Domotica ClicHome un sistema digitale di gestione e controllo accessi per le strutture ricettive perfettamente integrabile nell’impianto di Building Automation e nel software gestionale che consente un’applicazione innovativa del badge che, da chiave per l’accesso alla stanza ed alle aree comuni, diventa una vera e propria carta di credito (per  servizi aggiuntivi quali frigo bar, paytv, telefono, connessione internet, parcheggio, sauna, etc) in grado di memorizzare le preferenze di ciascun ospite sulla base del suo utilizzo.
 

Un altro modo efficace e innovativo per il controllo degli accessi è offerto da KP-V-B di Plexa , una periferica di lettura biometrica che permette un riconoscimento certo di ogni singolo utente anche senza l'utilizzo di badge personali, associando un codice univoco ad ogni utente attraverso le impronte digitali o il riconoscimento biometrico del volto. E' uno strumento valido sia per il controllo degli accessi di sicurezza che per la gestione delle presenze, soprattutto in uffici, aziende o amministrazioni pubbliche. 


Per il controllo della climatizzazione degli ambienti di una struttura, soprattutto per un albergo, c’è DOMINA HOTEL | Termostato di AVE  un sistema per il controllo automatico della termoregolazione sulla base della temperatura rilevata e sulla presenza dell’ospite nella stanza che consente maggior efficienza facendo risparmiare su luce, riscaldamento, ecc..
 

Sempre per la gestione del microclima interno c’è SIMPLEHOME | Sistema di building automation per gestione clima di COMELIT GROUP un sistema per riscaldare o rinfrescare in modo personalizzato gli ambienti dove si lavora in modo comodo e selettivo a seconda dei diversi orari del giorno e della settimana e con la possibilità di impostare uno scenario con una temperatura differente per ognuna delle zone controllate.
 

Tra le interfacce compatibili con il protocollo KNX c’è Vitrum KNX Series, che permette di gestire tutte le funzioni dell’impianto KNX attraverso gli interruttori.  


Tra le applicazioni per le strutture ospedaliere c’è SISTEMA DI CHIAMATA di BTICINO che permette di realizzare impianti di gestione con comunicazione visiva e acustica che, grazie alla consolidata tecnologia BUS/ SCS, per gestire le chiamate da più reparti.
 

Un’altra soluzione per le strutture ospedaliere è HOSPITAL SUPERVISOR di MICRODEVICE un sistema di gestione ed di controllo di molteplici aree all'interno della struttura ospedaliera. Il sistema è di rapida installazione in quanto si compone di un solo cavo che collega tutte le parti.
 

SISTEMI DI BUILDING AUTOMATION >> VEDI TUTTI 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa