Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Porti, via libera a 906 milioni di euro per 23 interventi
LAVORI PUBBLICI Porti, via libera a 906 milioni di euro per 23 interventi
NORMATIVA

I negozi sulla strada non possono diventare abitazioni

di Paola Mammarella

CdS: cambio di destinazione d’uso vietato se il cortile antistante non crea una separazione dalla via pubblica

Commenti 15135
21/12/2015 – I locali commerciali che si affacciano sulla strada non possono essere trasformati in abitazioni. Lo ha spiegato il Consiglio di Stato con la sentenza 5084/2015.
 
Nel caso preso in esame, il proprietario di un negozio e del cortile antistante, situati al piano terra di un edificio, aveva richiesto il permesso di costruire per il cambio di destinazione d’uso da commerciale a residenziale.
 
Il Comune aveva negato l’autorizzazione perché il PUC vietava i  cambi di destinazione d’uso dei locali prospicienti su aree pubbliche.
 
Il proprietario aveva quindi fatto ricorso sostenendo che il cortile, anche se confinante con la strada pubblica, era privato e costituiva una pertinenza del suo locale.
 
Sia il Tar sia il Consiglio di Stato hanno però bocciato il ricorso spiegando che il cortile non era una corte interna dell’edificio, ma la porzione di stacco tra il fabbricato e la strada pubblica. Rappresentava, secondo i giudici, uno strumento per agevolare l’ingresso del pubblico nel negozio, quindi era a loro avviso gravato da una servitù per l’uso pubblico.
 
Anche se il negozio si affacciava sul cortile, questo non creava una divisione rispetto alla strada. Si poteva ritenere, hanno concluso i giudici, che il locale si affacciasse direttamente sulla strada pubblica.
 
Per questi motivi la domanda per il cambio di destinazione d’uso è stata respinta.

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
paolo veronesi

Ancora una volta la giustizia si dovrebbe VERGOGNARE. al mio paese dicono CANE non mangia CANE. Doveva der la TANGENTE al funzionario del comune ! L'interessato, chieda di fare un muretto a confine con l'area pubblica e poi chiede il cambio,

thumb profile
Arch. Gaetano Smaldone

In edilizia il procedimento è un atto vincolato, nel senso che non c'è discrezionalità, la legge va solo applicata, non interpretata (art. 12 preleggi). Per il consiglio di stato, se una legge non c'è se la inventano subito. Com'è bella l'Italia!