Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
NORMATIVA

Piano Casa Toscana prorogato a tutto il 2016

di Alessandra Marra

Saranno possibili interventi in deroga ai parametri urbanistici purché nel rispetto delle distanze minime e delle altezze massime

Vedi Aggiornamento del 28/12/2018
Commenti 17909
18/12/2015 – Il Consiglio regionale della Toscana ha prorogato fino al 31 dicembre 2016 le misure eccezionali per il rilancio del settore edilizio previste dal Piano Casa.
 

Piano Casa Toscana: proroga e modifiche

La norma approvata dal Consiglio Regionale mantiene l’impostazione originale ma ha subito alcune modifiche di adeguamento alla normativa vigente, prima fra tutte la LR 65/2014 (Nuova legge urbanistica).
 
Il Piano Casa 2016, pur con vincoli, permetterà ampliamenti del 20% alle unità immobiliari destinate alla residenza e agli immobili a destinazione industriale e artigianale. In caso di demolizione e ricostruzione, gli ampliamenti saliranno al 35%.
 
Una novità introdotta dal nuovo testo riguarda gli interventi edilizi che potranno essere realizzati anche in deroga ai parametri urbanistici ed edilizi purché nel rispetto delle distanze minime e delle altezze massime dei fabbricati.
 
Viene inoltre inserito tra le definizioni di perimetro entro cui realizzare interventi straordinari anche quello del territorio urbanizzato, così come individuato della legge urbanistica.
 
Ultima importante modifica riguarda la Scia: per agevolare la realizzazione degli interventi e permettere di scegliere il titolo abilitativo che più risponda alle singole esigenze, si potrà optare anche per la richiesta di permesso a costruire.
 

Proroga Piano Casa Toscana: i commenti

La vicepresidente della Lega Elisa Montemagni ha espresso soddisfazione per il contenuti e per le “opportunità che la proroga potrà offrire a imprese, famiglie e giovani”; la Montemagni ha infatti dichiarato: “Il provvedimento è indispensabile. Gli ampliamenti che il Piano Casa permette potranno essere di aiuto a quanti aspirano ad una casa, ma non possono permettersela in questa particolare e lunga fase di crisi”.

In contrasto con il gruppo Claudio Borghi, portavoce dell’opposizione, ha dichiarato: “Sono favorevole a qualsiasi intervento di rilancio dell’economia, ma non credo che le agevolazioni all’edilizia siano lo strumento più efficace”.
 
Contrari alla legge i consiglieri del Movimento 5 Stelle che tramite il presidente, Giacomo Giannarelli, hanno stigmatizzato un “nuovo consumo di suolo nonostante le numerose dichiarazioni del presidente Rossi e la legge urbanistica”. “In Italia", ha rilevato Giannarelli, "ci sono 540mila unità immobiliari invendute, il 26 per cento è di nuova costruzione. Questi dati fotografano un mercato fermo ma la Toscana decide di aumentare l’offerta”.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Rossi F.

Giannarelli, come moltissimi grillini, dimostra di non sapere nulla di ciò di cui parla e di andare avanti per stereotipi e pregiudizi. E' evidente che non capisce la differenza tra "consumo di suolo" e "ampliare un edificio già esistente", per lo più costruendo su lotto ovviamente già urbanizzato. Infatti il piano casa che permette ampliamenti di case esistenti ritenute troppo piccoli dai proprietari non ha nulla che vedere con le abitazioni di nuova realizzazione rimaste invendute sul groppone dello speculatore edilizio che le ha costruite. Se non ho i soldi per comprare una casa da 130 mq per dare spazio ai miei tre figli, forse ho i soldi per costruire una camera da letto in più ed allargare la mia casa da 80mq dove viviamo in 5... Avere 30'000 euro per costruire 20 mq di casa in più è ben diverso che avere 350'000 per comprare dal costruttore una nuova casa di 130 mq, o anche un alloggio usato ma più grande. Ma si sa, i grillini sono attenti ai problemi di soldi soltanto quando si parla della diaria da parlamentari, nazionali e regionali, per il resto sono lontani anni luce dalla realtà...