Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Ecobonus, bonus ristrutturazioni, bonus facciate e bonus verde verso la proroga al 2021
NORMATIVA Ecobonus, bonus ristrutturazioni, bonus facciate e bonus verde verso la proroga al 2021
RISPARMIO ENERGETICO

Prestazioni dell’involucro edilizio, UNICMI: ‘revisionare il coefficiente globale di scambio termico’

di Alessandra Marra

La mozione indica i rischi per il comparto delle facciate continue e i limiti imposti alla libertà progettuale

Vedi Aggiornamento del 11/03/2016
Commenti 5492
16/12/2015 – Stralciare il coefficiente globale di scambio termico H’t per le parti di involucro vetrato dai requisiti minimi degli edifici previsti dal DM 26/06/2015 e avviare un tavolo tecnico di confronto con il Ministero dello Sviluppo Economico per ricercare soluzioni condivise e sostenibili.
 
Queste le richieste dell’Unione Nazionale delle Industrie delle Costruzioni Metalliche dell'Involucro e dei serramenti (UNICMI) in un una mozione al Governo.
 

Involucro edilizio e prestazioni minime: criticità

Secondo UNICMI l’introduzione del coefficiente globale di scambio termico H’t per le parti di involucro vetrato crea problemi sia ai progettisti che alle industrie. Infatti la mozione fa notare che il “limite per il coefficiente H’t è significativamente basso e difficilmente raggiungibile con i sistemi di facciate continue (anche le più avanzate) utilizzate attualmente nel settore delle costruzioni”.
 
Inoltre UNICMI sottolinea che “dal punto di vista esclusivamente prestazionale, un valore di H’t molto basso potrebbe non essere garanzia di efficienza energetica dell’edificio. Uno scambio termico eccessivamente basso infatti potrebbe risultare critico in edifici ad uso terziario e commerciale, impedendo lo smaltimento di carichi interni elevati (computer, luci, server, altri apparati elettronici), che graverebbero quindi sull’impianto di condizionamento".
 
UNICMI ritiene che l’applicazione indiscriminata del coefficiente H’t, sia su nuove costruzioni sia su ristrutturazioni, indipendentemente dalla destinazione d’uso e dalla tecnologia costruttiva adottata, "sia una modalità operativa limitativa e anacronistica"; il documento sostiene che realizzare obbligatoriamente edifici a torre o per uffici con sistemi a cappotto comporterebbe un notevole ingombro e un incremento di carichi gravanti sull’edificio.
 
Secondo l’Unione Nazionale Industrie delle Costruzioni Metalliche l’aggravio di costi non sempre è giustificato da un miglioramento prestazionale della facciata in un’ottica di costi/benefici e di tempi di ritorno dell’investimento, con la conseguenza di rinuncia all’intervento.   
 

Prestazioni edifici ed efficienza energetica: interventi non sostenibili finanziariamente

Nella mozione UNICMI denuncia: “Questa situazione sta nei fatti bloccando le decisioni di alcuni clienti e investitori, scoraggiati dall’intervenire, visti gli extra-costi richiesti in un così breve arco di tempo. Vi è inoltre il rischio di modifiche sostanziali a progetti in fase già avanzata, con le conseguenze in termini di oneri aggiuntivi di progettazione sui professionisti. Il grande rischio che si sta correndo e di cui siamo testimoni è che committenti e investitori rinuncino a intervenire sul patrimonio edilizio esistente visti gli extra-costi che sarebbero costretti a sostenere. Fra la committenza, sta infatti passando il pericoloso concetto per cui il legislatore, fissando un’asticella troppo alta e onerosa, scoraggi e blocchi gli interventi con richieste ‘estreme’ e difficilmente sostenibili finanziariamente, piuttosto che incoraggiare efficientamenti più graduali, con obiettivi realistici e realizzabili”.
 
La mozione ha infatti coinvolto, oltre alla filiera industriale dell’involucro edilizio, importanti studi di progettazione italiani e sarà trasmessa per condivisione agli organismi di rappresentanza degli Architetti e degli Ingegneri oltre che alla Presidenza dell’ANCE.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui