Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
RISTRUTTURAZIONE

Beni culturali: in arrivo oltre 300 milioni di euro nei prossimi 4 anni

di Rossella Calabrese

Legge di Stabilità 2016: stanziati 22 milioni di euro per ‘Matera Capitale europea della cultura 2019’

Vedi Aggiornamento del 14/08/2019
Commenti 14578
21/12/2015 - Sono numerosi gli interventi in favore dei beni e delle attività culturali previsti dalla Legge di Stabilità 2016: dal finanziamento del Piano strategico “Grandi Progetti Beni culturali”, agli interventi di manutenzione e restauro, a Matera 2019.
 

Piano strategico “Grandi Progetti Beni culturali”

Vengono stanziati 70 milioni di euro per l’anno 2017 e 65 milioni di euro a decorrere dall’anno 2018 per la realizzazione del Piano strategico “Grandi Progetti Beni culturali” di cui all’articolo 7 del decreto Cultura ArtBonus (DL 83/2014 convertito nella Legge 106/2014).
 
Si tratta del Piano nazionale che, entro il 31 dicembre di ogni anno, dovrebbe individuare beni o siti di eccezionale interesse culturale e di rilevanza nazionale per i quali sia necessario e urgente realizzare interventi organici di tutela, riqualificazione, valorizzazione e promozione culturale, anche a fini turistici.
 
Al Piano sono già stati destinati 5 milioni di euro per il 2014, 30 milioni di euro per il 2015 e 50 milioni di euro per il 2016. Dal 1° gennaio 2017 sarà destinato il 50% delle risorse per le infrastrutture assegnate ai beni culturali.
 

Investimenti per i beni culturali

Per potenziare gli investimenti infrastrutturali nel settore della cultura, una quota delle risorse destinate agli interventi infrastrutturali, pari a 120 milioni di euro (30 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2016 al 2019), sarà destinata agli interventi di conservazione, manutenzione, restauro e valorizzazione dei beni culturali.
 
Gli interventi da finanziare e le relative modalità attuative saranno definiti dai Ministeri dei beni e delle attività culturali e del turismo e delle infrastrutture e trasporti. Le risorse da destinare a tali interventi saranno individuate entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Stabilità.

Altri 5,5 milioni di euro finanzieranno la tutela e la promozione del patrimonio culturale. Le risorse, previste dalla Legge di Stabilità 2015, saranno spese secondo le procedure che il Ministero delle Infrastrutture ha iniziato a delineare con il DM 12 novembre 2015 pubblicato in Gazzetta il 17 dicembre.

Il Ministero dei beni culturali emanerà i bandi  per scegliere i progetti di recupero, restauro conservativo e valorizzazione del patrimonio culturale e storico, nonché gli  interventi  previsti dai progetti culturali elaborati dagli enti locali. Dopo la scelta, saranno stipulate convenzioni con i soggetti proponenti in cui verranno indicate le modalità di finanziamento.
 

Matera 2019

Al fine di governare e di gestire il ruolo di “Capitale europea della cultura 2019”, vengono stanziati 20 milioni di euro (5 milioni per ciascuno degli anni 2016, 2017, 2018 e 2019) per completare il restauro urbanistico ambientale dei rioni Sassi e del prospiciente altopiano murgico di Matera (in esecuzione degli articoli 5 e 13 della Legge 771/1986).
 
Inoltre, in favore del Comune di Matera è autorizzata la spesa di 2 milioni di euro (500.000 euro annui per gli anni dal 2016 al 2019) per derogare, fino al 31 dicembre 2019, alle norme di contenimento delle spese per l’acquisto di beni e di servizi, e a quelle limitative delle assunzioni di personale, anche con forme contrattuali flessibili.
 

Concorso straordinario per 500 professionisti del patrimonio culturale

In arrivo un concorso straordinario per l’assunzione a tempo indeterminato di 500 funzionari dei beni culturali selezionati tra antropologi, archeologi, architetti, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, esperti di promozione e comunicazione, restauratori e storici dell’arte. Queste professionalità andranno a rafforzare la dotazione organica del MiBACT al fine di assicurare la tutela e la valorizzazione del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione e in deroga ai limiti previsti per le assunzioni nelle pubbliche amministrazioni.

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa