Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, giro di boa per la prima fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, giro di boa per la prima fiera virtuale dell’edilizia
AZIENDE

PICHLER Projects per il nuovo stabilimento di lavorazione Melinda

Commenti 2674
20/01/2016 - Il progetto, ideato dallo Studio Azzali di Trento, nasce dall'esigenza da parte del consorzio Melinda s.c.a. di una nuovo stabilimento di lavorazione delle mele, in grado di affrontare le crescenti esigenze del mercato. Il fabbricato è stato realizzato in ampliamento dell’edificio di Denno, Val di Non in Trentino.

Oltre alla sala di precalibraggio e confezionamento delle mele il progetto prevede una zona uffici, gli spogliatoi del personale, la cucina, una mensa con sala relax, una sala didattica, un parcheggio interrato di 160 posti, e una zona di carico delle mele. Lo stabilimento occupa una superficie coperta di circa 10.000 mq ed una superficie calpestabile di circa 20.000 suddivisa in quattro livelli.

In tutti i nuovi spazi si respira il connubio tra la notevole complessità tecnologica, data dalla interfaccia tra lo stabilimento, i macchinari di lavorazione e gli impianti a servizio di entrambi. L’ingombrante presenza delle reti tecnologiche e delle strutture ben si rapporta con il comfort ambientale che caratterizza tutti gli ambienti di lavoro dello stabilimento.

Lo studio di inserimento paesaggistico dell’imponente volume del fabbricato è stato importante per mitigare l’impatto sul territorio. Circa il 50% delle coperture sono a verde pensile mentre la restante parte è in alluminio con falde inclinate a shed per l’illuminazione naturale degli interni.

Il sistema di facciata
L’altro elemento fondamentale per l’integrazione paesaggistica è stato lo studio delle facciate continue.
Le facciate sono state, infatti, oggetto di attenta analisi per integrare il fabbricato nel contesto paesaggistico e per garantire nel contempo il raggiungimento del massimo comfort interno. La facciata è di fatti della tipologia “a doppia pelle” costituita da una prima pelle interna vetrata e da una pelle esterna realizzata da pannelli ombreggianti.
La struttura portante in acciaio, realizzata da PICHLER Projects, è a luce libera di 14 mt su cui è stato fissato il profilo tecnologico in alluminio atto ad accogliere le vetrate e nel contempo ad integrare i pannelli ombreggianti esterni; l’insieme risulta perfettamente armonico.
La “pelle” esterna è realizzate con pannelli di lamiera stirata in alluminio alternata a pareti traslucide e vetrate. I colori degli elementi materici sono ripresi dall’ambiente circostante.
Le facciate con le lamiere stirate lasciano filtrare molta luce all’interno, ma ne mitigano l’intensità che sarebbe stata fastidiosa per i lavoratori.
Per dare modo all’utente di regolare l’effetto ombreggiante nell’arco dell’anno, i pannelli ombreggianti di alluminio sono in gran parte apribili con un sistema di motori elettrici che consentono di adeguare l’apertura e conseguentemente l’intensità dell’illuminazione interna. Il tutto viene gestito da un sistema elettronico centralizzato.
Anche nelle vetrate sono inserito degli elementi apribili mediante attuatori elettrici comandati da centraline elettroniche che consentono di ottenere una ventilazione naturale dell’ambiente.
L’impiego di vetri isolanti ad alte prestazioni e di profili in alluminio a taglio termico con specchiature delle stesse dimensioni dei pannelli in alluminio ha consentito un notevole risparmio energetico, che era uno degli obiettivi del progetto.

L’impianto di recupero del calore
Oltre al contenimento delle dispersioni energetiche ottenuto con l’involucro è stato realizzato un impianto di recupero del calore: il calore sottratto alle mele nella fase di frigoconservazione viene riutilizzato per riscaldare gli ambienti lavorativi. Allo stesso modo si è deciso di recuperare il calore prodotto dai compressori di aria. L’impianto di riscaldamento è di tipo radiante, sia a offitto che a pavimento. Gli apparecchi illuminanti sono a led, gestiti con regolazione automatica in funzione dell’illuminazione esterna.

Attenzione al comfort
Particolare attenzione è stata data al comfort del personale, oltre alla luce ottimale si è ridotto il rumore prodotto dalle macchine con l'isolamento acustico, dato dalle pareti fonoassorbenti. Il riscaldamento è di tipo radiante a pavimento per la sala lavorazione e a soffitto per gli uffici che sono climatizzati per la stagione estiva. È stata prevista una sala relax per le pause di lavoro, una mensa e una cucina. La sala relax potrà essere utilizzata anche per le assemblee della cooperativa. Sopra l’ufficio bolle è stata realizzata un’aula didattica per la formazione dei soci e del personale.

Tempi brevissimi
Alla complessità del progetto è stata si è aggiunta l’impellente necessità di realizzare l’opera in un tempo breve per consentire la rapida messa in funzione delle macchine di lavorazione. Il progetto è stato studiato anche per ridurre i tempi di posa e infatti l’’opera è stata realizzata in soli 18 mesi.

PICHLER Projects su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui