Carrello 0
Architettura, città e paesaggio dal dopoguerra al Duemila
EVENTI

Architettura, città e paesaggio dal dopoguerra al Duemila

di Valentina Ieva

Documenti e pezzi unici esposti nella mostra 'Comunità Italia'

15/01/2016 - Introdotta da un’installazione video elaborata graficamente da Giuseppe Ragazzini, la mostra “Comunità Italia. Architettura, città e paesaggio dal dopoguerra al Duemila" , in Triennale, si apre con l’opera scultorea di Pietro Consagra, La città orizzontale.

Da Ludovico Quaroni a Ignazio Gardella, da Aldo Rossi a Renzo Piano, sono presenti i lavori dei massimi protagonisti della storia dell’architettura italiana dal dopoguerra al Duemila, per un corpus di circa 120 opere.

La prima sezione si articola in stanze declinate secondo temi specifici. L’allestimento di ciascuna di tali stanze è stata affidata a una curatrice diversa: l’evoluzione del cantiere a Carmen Andriani, il design a Silvana Annicchiarico, gli archivi a Chiara Baglione, le scuole di architettura a Fernanda De Maio, le istituzioni culturali a Paola Nicolin, l’editoria di settore a Raffaella Poletti. 

Vi è poi una galleria dedicata al disegno in cui sono presenti alcune tra le opere grafiche e pittoriche più rappresentative del tempo, come le “città analoghe” di Aldo Rossi e di Arduino Cantafora, da cui parte l'esposizione vera e propria.

La mostra indaga anche il rapporto fra l’architettura italiana e la fotografia di paesaggio,  attraverso le immagini di alcuni dei migliori fotografi italiani, da Gabriele Basilico a Luigi Ghirri, la cui opera ha spesso incrociato e influenzato quella degli architetti.

La rassegna termina con la parete-video – della call Italy in a frame, a cura di Gianni Canova e dello IULM, affiancata da una selezione di video dal titolo Segnali di futuri, che illustrano come cambiano nell’Italia contemporanea le occasioni di progetto e le nuove necessità di formazione per i futuri architetti.
 
Un’immagine del Cretto di Gibellina di Alberto Burri accompagna all’uscita della mostra, icona delle contraddizioni che hanno segnato nel corso del secondo Novecento l’architettura italiana.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati